Coronavirus, ritornano i ricoveri al Cotugno di Napoli: 13 malati, 3 in gravi condizioni

Il Covid è tornato al Cotugno di Napoli. Il numero di pazienti ricoverati sale a tredici. A renderlo noto è IlMattino.

Nella giornata di ieri si sono registrati ben sette nuovi ricoveri, cinque con conclamato contagio e due sospetti. Il totale, dunque, è di tredici malati, di cui dieci conclamati. Di questi, tre sono in gravi condizioni, rendendo necessario il trasferimento in Rianimazione o in terapia sub-intensiva.

Anche il reparto di infettivologia, sotto la guida di Rodolfo Punzi, inizia a contare nuovamente persone, al pari di quello di sub-intensiva. Lì vengono accolti i degenti che necessitano di ventilazione con maschere a ossigeno.

Tra gli ultimi due casi di Covid, giunti al Cotugno di Napoli, un uomo di Giugliano e uno skipper di Salerno. In degenza ordinaria ci sono una donna già affetta da linfoma già ricoverata da tempo e un 17enne rom di Scampia, in condizioni stabili.

A questi si aggiungono una donna dominicana proveniente da Ischia, un uomo di Tufino coinvolto nel focolaio Nolano e una donna di Secondigliano.

Casi più gravi si trovano in sub-intensiva: un uomo di Mondragone, un’altra donna affetta da linfoma, la mamma del ragazzino rom e una coppia di Portici.

A Napoli città i pazienti ricoverati al momento sono sei. Tra questi, tre rom di Scampia e una venezuelana. Quest’ultima, giunta al Pellegrini, attualmente si trova in isolamento. Positivo anche un 20enne napoletano di rientro da Scalea.

Alcune positività sono state riscontrate anche sull’isola di Capri. Una ragazza romana, che aveva frequentato prima l’isola azzurra poi Acciaroli, è risultata positiva al test. Oltre lei, ci sono altre 4 persone in isolamento a Capri, in attesa dell’esito del test.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più