Reggiana promossa in B, festa e maxi assembramenti: a noi ci hanno chiamati “sciagurati”

Reggio Emilia – La Reggio Audace, meglio conosciuta come Reggiana, ieri sera ha ottenuto la promozione in Serie B. La squadra granata è salita nella serie cadetta dopo aver battuto il Bari nella finalissima playoff.

I tifosi nel pre partita, ma soprattutto dopo il verdetto finale, si sono scatenati per strada dove hanno festeggiato la storica vittoria che li riporta in serie B dopo 21 anni.

L’Emilia Romagna è la seconda regione in Italia per numero di positivi al coronavirus (il bollettino di oggi), quindi in via del tutto teorica sarebbero vietati gli assembramenti, soprattutto se vengono fatti senza mascherine (come si nota dalle foto). Ma vi ricordate cosa è successo quando il Napoli ha vinto la Coppa Italia ai rigori contro la Juventus?

Persino la tv nazionale parlava dei tifosi partenopei, l’OMS li aveva apostrofati come “sciagurati” perché stavano violando le regole – nonostante la città fosse covid free da diversi giorni. Per una settimana intera c’è stato un attacco mediatico che arrivava da tutte le parti. Napoli descritta come una città che non ha rispettato le regole e che se ne era fregata delle decina di migliaia di morti che avevano colpito l’Italia intera.

Tutto ciò, lo sgomento dei giornali e delle tv, ovviamente non c’è stato ora che i tifosi della Reggiana hanno festeggiato la promozione, perché di mezzo non c’è la città di Napoli, ma una città del Nord, quindi la notizia non farebbe abbastanza rumore mediatico.

Solita disparità di giudizio tra Napoli e le altre città, non si tratta di vittimismo (come spesso ci accusano), ma siamo stanchi di questi continui attacchi alla nostra città e al nostro popolo quando altrove succede lo stesso senza che venga messo sotto i riflettori nazionali.

Di seguito il video dei festeggiamenti ripreso da un giocatore della Reggiana, Fausto Rossi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fausto Rossi (@rossifausto5) in data:

Potrebbe anche interessarti