De Magistris: “Non vedo ripartenza senza il ritorno a scuola. I giovani? Non sono un pericolo”

de magistris criminalitàSulla questione Coronavirus, il sindaco Luigi De Magistris si è espresso durante un‘intervista rilasciata a Rtl 102.5. Ha parlato della ripartenza delle scuole, del turismo e della gestione dei mezzi pubblici.

“Noi sindaci dobbiamo programmare l’apertura di un anno scolastico difficile ma si può fare. Lo vedo nella mia città. Possiamo coniugare sicurezza, responsabilità, voglia di vivere e di rinascere. Napoli sta cercando di farlo” – ha esordito il primo cittadino.

Sui giovani ha detto: “Io voglio ringraziarli, soprattutto per la fase di lockdown. Non era scontato che tutti i giovani  restassero con così tanto scrupolo a casa. Anche adesso, salvo eccezioni, non me la sento di considerare i giovani un pericolo. La maggior parte continua a comportarsi correttamente. Bisogna avere senso di responsabilità e imparare a convivere col virus per molto tempo.”

“Per quanto riguarda i mezzi pubblici, finora abbiamo retto bene ma il vero problema sarà a settembre, con la ripresa dell’anno scolastico. Il rischio permane perché la capienza è ridottissima. Noi sindaci delle grandi città siamo molto preoccupati. Settembre potrebbe essere molto difficile da gestire.”

Sul turismo: “Pe quella che era la situazione noi siamo molto soddisfatti. Si cominciano a vedere anche i turisti e di questo ringrazio i napoletani”.

Sul sistema scolastico ha affermato: “Ci stiamo preparando al  14 settembre. Io non vedo ripartenza senza il ritorno a scuola. Senza riprendere la vita della comunità scolastica il Paese non ce la può fare. Io credo che bisogna aumentare il personale per coprire eventuali doppi turni. Sono contrario all’ipotesi della didattica a distanza, quella deve essere solo emergenziale. Il ritorno a scuola è fondamentale”.

La diffusione dei contagi da Coronavirus, dunque, stando alle dichiarazioni rilasciate da Luigi de Magistris a Rtl 102.5, non fermerà il comparto scolastico.

Potrebbe anche interessarti