Sant’Antimo, 21enne ferito per una mancata precedenza: amputate entrambe le gambe

Le condizioni di Gaetano Barbuto Ferraiuolo, il 21enne di Sant’Antimo colpito con sei colpi di arma da fuoco alle gambe, non sono migliorate. Al giovane, infatti, è stato necessario amputare entrambe le gambe. A renderlo noto è Il Mattino.

Un triste epilogo partito da una banale lite, sfociata in strada a causa di una mancata precedenza. Alcuni sconosciuti, a bordo di un Opel Astra, avrebbero iniziato più volte a colpire Gaetano agli arti inferiori. Ricoverato all’ospedale di Frattamaggiore, il ragazzo è stato tre giorni in coma farmacologico.

Versava in condizioni critiche, era in serio pericolo di vita. I colpi inferti dagli aggressori hanno innescato una progressiva cancrena rendendo necessario il trasferimento al Cardarelli di Napoli. Lì, purtroppo, i medici non hanno potuto fare altro che procedere all’amputazione. I genitori hanno acconsentito all’intervento, quello che, nonostante la grave disabilità generata, consentirà a Gaetano di continuare a vivere.

Intanto, le indagini continuano ed è caccia agli artefici del folle gesto. Un amico di Gaetano, che quella sera viaggiava con lui, ha ripetuto più volte di non conoscere gli aggressori. Ha raccontato che uno di loro ha colpito il suo amico prima alla testa, con il calcio della pistola, per poi sparare a raffica quei maledetti colpi che hanno completamente devastato le gambe del ragazzo.

Ancora lui ha reso noto che, poco prima, avevano avuto una discussione con quattro ragazzi per motivi di viabilità. Sembrerebbe che questi ultimi, in seguito, li avrebbero seguiti per dargli una lezione. Suonavano e lampeggiavano in continuazione, prendendo di mira l’auto guidata da Gaetano con a fianco il suo amico e, al momento, unico testimone.

Il ragazzo avrebbe deciso di fermarsi così come i quattro balordi che non avrebbero esitato un attimo ad aggredirlo violentemente. Molte le persone accorse in strada, scosse dal rumore degli spari, eppure nessuno sembra aver visto nulla o, forse, preferiscono tacere. Intanto, per la violenza inaudita e ingiustificata di pochi, la vita di Gaetano Barbuto Ferraiuolo cambierà per sempre.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più