Maltempo in Campania, il deputato Piero De Luca: “Subito lo stato di calamità per i territori più colpiti”

stato calamità campania
Foto Piero De Luca, facebook

Le forti piogge che si sono abbattute in Campania nei giorni scorsi hanno provocato più di un danno ad alcune città campane. Le province dell’avellinese e del salernitano sono state le più colpite, con raccolti andati distrutti e abitazioni e strade ricoperte di detriti e fango. Per questo il deputato Piero De Luca (figlio del presidente della Campania Vincenzo) ha chiesto di attivare subito lo stato di calamità naturale per i territori più colpiti.

Questo il suo post:

“Esprimo tutta la mia vicinanza e solidarietà alle comunità colpite dal violento nubifragio che in queste ore si è abbattuto in Campania. Non posso che essere vicino alle tante famiglie che stanno vivendo momenti di grande difficoltà per allagamenti, crolli e altri danni che si sono verificati a seguito di queste incessanti e abbondanti piogge, e che hanno colpito anche zone duramente provate negli anni passati come il Comune di Sarno.
Ho assicurato il mio pieno supporto ai Presidenti della Provincia di Salerno ed Avellino, nelle cui aree si sono registrate maggiori criticità, ai Sindaci e agli altri amministratori impegnati in queste ore di emergenza straordinaria. Sto valutando tutte le azioni possibili da assumere a sostegno della nostra comunità presso il Governo e le altre istituzioni competenti, ma prima di tutto ho iniziato ad attivarmi per accompagnare e supportare gli amministratori nella richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale per i territori della nostra Regione maggiormente colpiti e devastati. Un ringraziamento sentito va alla Protezione civile, alle forze dell’ordine, ai vigili del fuoco e a tutti volontari che in queste ore stanno prestando soccorso in condizioni davvero difficili”. 

🔴 SUBITO LO STATO DI CALAMITÀ NATURALE PER I TERRITORI MAGGIORMENTE COLPITI DAL MALTEMPO

Esprimo tutta la mia vicinanza…

Pubblicato da Piero De Luca su Lunedì 28 settembre 2020

 

 

Potrebbe anche interessarti