Covid, si riduce la percentuale dei morti: passa dal 15% di aprile all’1% di settembre

Coronavirus ospedaleLa percentuale dei morti da Covid-19 in Italia tende a diminuire. È quanto dimostrato da un’analisi basata sulla comparazione dei dati riportati all’interno dei bollettini nazionali.

Il numero di casi totali registrati nell’intero mese di marzo è di 105.792. Il numero di decessi, ancora una volta riguardante l’arco mensile complessivo, è di 12.428. Dunque, la percentuale di morti registrata in quel determinato mese è dell‘11,74%.

Volendo fare un confronto con la situazione riscontrata ad aprile, il numero di casi totali registrati in quel mese è di 99.671. Il numero di decessi, invece, è lievemente aumentato: sono morte 15.539 persone. Ragion per cui la percentuale di morti è salita al 15,59%.

In seguito, la situazione in Italia è progressivamente migliorata. Soltanto verso la fine dell’estate i numeri del contagio sono notevolmente aumentati. Tale incremento, tuttavia, è da valutare facendo un confronto con il numero di tamponi effettuati.

Eppure, andando ad analizzare la situazione attuale, al 30 settembre il numero dei casi totali è di 45.641. Durante tale mese si sono registrati 461 decessi. La percentuale di morti da Covid-19 in Italia, dunque, è notevolmente calata, attestandosi all’1,01%.

Anche nel mese di ottobre i decessi quotidiani, al momento, non hanno raggiunto le cifre di marzo. Ieri, ad esempio, stando al bollettino nazionale si sono registrati 22 decessi. Il dato confrontato a quello dei mesi iniziali, in cui si oltrepassava la cifra giornaliera dei 600, dimostra che probabilmente anche questo mese il trend relativo alla mortalità potrebbe rimanere stabile.

Potrebbe anche interessarti