Circolare dell’Istituto Mattei di Caserta usata da Salvini contro la Azzolina. L’istituto: “Ci dissociamo con fermezza”

salvini azzolina caserta
Matteo Salvini ci ricasca. Qualche mese fa l’ex ministro degli interni aveva postato sui suoi profili social delle foto che ritraevano studenti a terra privi dei nuovi banchi voluti dalla Azzolina. Poco dopo anche il governatore della Liguria Toti aveva postato foto e video simili, addirittura con ragazzi che facevano autoscontro con i nuovi banchi a rotelle.

Filmati che si sono rivelati bufale e che hanno visto i dirigenti scolastici degli istituti prendere le distanze da questa strumentalizzazione politica che era stata utilizzata per attaccare l’operato del Ministro dell’Istruzione. Spesso infatti il leader della Lega prende commenti trovati in rete e confeziona i suoi post decontestualizzandoli. Ed è proprio quanto accaduto ad un istituto campano. Il 10 ottobre, Salvini scrive infatti sul suo profilo:

“In classe, se va bene, dalle 8.30 alle 11, per mancanza di insegnanti. Una follia dovuta al ministro più incapace della storia della scuola italiana. Un problema per milioni di studenti e di famiglie, anche da voi è così? #azzolinabocciata” 

In classe, se va bene, dalle 8.30 alle 11, per mancanza di insegnanti. Una follia dovuta al ministro più incapace della…

Pubblicato da Matteo Salvini su Sabato 10 ottobre 2020

Il post si riferisce ad una circolare presente sul sito dell’Istituto Mattei di Caserta (“Causa numerose scoperture nelle cattedre, per la prossima settimana resta confermato l’attuale orario in corso”) che viene utilizzato dal leader del Carroccio per commentare, in modo negativo, le decisioni della Azzolina. Immediatamente l’istituto casertano si è dissociato pubblicando un comunicato:

“Si ha notizia della circolazione sui social di un post che collega un avviso di servizio di questa istituzione scolastica a un giudizio politico sul Ministro dell’istruzione. Questa istituzione scolastica si dissocia con fermezza da un siffatto giudizio, trattandosi di un collegamento arbitrario, non corrispondente affatto allo scopo dell’avviso di servizio e per nulla in linea con lo spirito di cooperazione con i superiori organi di governo con cui quotidianamente agisce questa istituzione scolastica”.

Ma il post nella bacheca di Salvini è rimasto.

 

Potrebbe anche interessarti