Covid, l’appello degli scienziati a Conte e Mattarella: “Servono misure drastiche nei prossimi 2 o 3 giorni”

Sembra non placarsi l’impennata di contagi da Covid-19. Proprio in tale contesto si inserisce l’appello degli scienziati rivolto al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Questi ultimi richiedono alle autorità di adottare drastici provvedimenti per contenere i danni di questa seconda ondata.

In una lettera, scrivono: “Come scienziati, ricercatori, professori universitari riteniamo doveroso e urgente esprimere la nostra più viva preoccupazione in merito alla fase attuale di diffusione della pandemia da Covid-19.”

Sono oltre cento gli esperti che, sulla base delle stime diffuse da Giorgio Parisi, hanno evidenziato l’urgenza di “assumere provvedimenti stringenti e drastici nei prossimi due o tre giorni”. Secondo lo studio in questione, infatti, in breve potremmo raggiungere i 400/500 decessi al giorno.

Tra loro: il fisico Enzo Marinari, l’economista Gianfranco Viesti, il geologo Carlo Doglioni, l’astronoma Alessandra Celletti, solo per citarne alcuni. Tutti accomunati da un comune pensiero: provvedimenti stringenti causerebbero meno danni all’economia rispetto a quanto farebbe una perdita di controllo totale della pandemia.

“Prendere misure efficaci adesso serve proprio per salvare l’economia e i posti di lavoro. Più tempo si aspetta, più le misure dovranno essere dure, durare più a lungo, producendo quindi un impatto economico maggiore. Per questo il contagio va fermato ora, con misure adeguate, ed è per questo che chiediamo di intervenire ora in modo adeguato.” 

Inoltre l’Ecdc, Centro Europeo per il Controllo delle Malattie, è a favore dell’adozione di misure immediate e mirate per salvaguardare l’incolumità pubblica.

Anche il Governatore campano si è unito all’appello degli scienziati rivolto a Mattarella e Conte. Proprio negli ultimi minuti, infatti, ha annunciato la volontà di voler attuare un nuovo lockdown in regione, considerandolo necessario a livello nazionale.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più