De Magistris: “La situazione è drammatica, la sanità allo stremo. De Luca? Sia equilibrato con le parole”

de magistris sanità campanaIl sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha commentato le criticità della sanità campana, in diretta ad “Ogni Mattina” su Tv8.

Queste le sue parole: “La situazione nella mia città è estremamente preoccupante. La situazione sanitaria è allo stremo. Abbiamo file di macchine e ambulanze nei pressi degli ospedali. Insomma è molto seria, drammatica. Abbiamo una tensione sociale altrettanto seria e preoccupante.”

“Di fronte a uno scenario che ha a che fare con la tenuta democratica del Paese, io credo che non abbiamo alternative che lavorare insieme. Non so più come dirlo. Evitare assolutamente segnali di debolezza e di scarica barile. Quindi tutte le decisioni che si devono prendere, anche le più rigide, ci deve stare una mano che toglie e una mano che mette.”

De Magistris, oltre alle criticità della sanità campana, tratta la questione del “braccio di ferro” tra il Presidente De Luca e il Governo riguardo alla sofferta decisione del lockdown. Il Governatore campano, infatti, continua a sostenere che abbia senso soltanto se esteso a livello nazionale. Dal suo canto, il Governo, fino ad ora continua a lasciare libero arbitrio alle Regioni.

“Se diamo restrizioni, cioè se mettiamo in crisi la tenuta sociale, economica, del lavoro, della fame delle persone che non riescono a vivere, ci vuole una mano che immediatamente dà, in termini di soldi, economia e lavoro.”

Sulle soluzioni da adottare: “Si può trovare un equilibrio innanzitutto nelle parole. Circa dieci giorni fa il Presidente della Regione annunciò, per poi fare immediatamente marcia indietro e non sappiamo per quale motivo, il lockdown regionale. Quello scatenò il putiferio. Io credo che noi dobbiamo andare a misure progressivamente più rigide che non significa necessariamente il lockdown di marzo e aprile. Però ci tengo a dire che contestualmente, non dopo mesi, bisogna immettere liquidità.”

“Io ripeterei quella misura che fu molto efficace a marzo, ordinanza di Protezione Civile che dà liquidità ai comuni che immediatamente, conoscendo il territorio, arrivano nelle tasche delle persone che non hanno più denaro per vivere.”

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più