Covid, Ricciardi: “A Napoli terapie intensive al limite, non può essere zona gialla”

ricciardi campaniaCovid – Walter Ricciardi lancia l’allarme sulla Campania. Il consigliere del Ministro della Salute e docente di igiene all’Università Cattolica, Walter Ricciardi, è intervenuto stamane in diretta alla trasmissione Agorà in onda su Rai3.

Ricciardi ha parlato dell’emergenza covid che sta colpendo l’Italia chiedendo a gran voce un lockdown nazionale perché non si può fare affidamento sulla responsabilità dei cittadini. “Le immagini che abbiamo visto in questi giorni sono gravi“.

Il Professore poi si è concentrato sulla situazione epidemiologica e degli ospedali in Campania, restando perplesso della sua collocazione in zona gialla: “A Napoli si è arrivati al limite delle terapie intensive e dei Pronto Soccorso. C’è gente che sta in macchina per ore e gli viene fornito l’ossigeno nella macchina. Vi sembra una zona gialla?“.

Le stesse preoccupazioni le ha manifestate anche il sindaco di Napoli de Magistris che ha denunciato un’irresponsabilità del Governo e della Regione: “Più che colore giallo, a questo punto temo che ci sia un “giallo Campania”. Io sono sconcertato perché se guardo quel che accade nella mia città, ascolto l’appello dei medici, degli infermieri, dei direttori sanitari e dei pazienti, la situazione negli ospedali è drammatica“.

I numeri in Campania parlano chiaro, secondo i dati dell’Unità di Crisi per l’emergenza Covid19, diffusi ieri 10 novembre 2020, i posti letto disponibili in terapia intensiva sono 590, dei quali 193 occupati. Mentre a Napoli città su 346 ricoverati per Covid19, sono 38 i pazienti in terapia intensiva.

Ma questi sono numeri sempre in aumento, che rischiano di portare ad un collasso sanitario molto presto se chi di dovere non interviene immediatamente.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più