Scuola, mamme infuriate con De Luca: flashmob online per opporsi alle lezioni in presenza

A pochi giorni dall’ordinanza che dispone la ripresa delle attività in presenza di asili e prime elementari, le mamme sono insorte contro il Presidente De Luca. Hanno dato vita ad un vero e proprio “flashmob”, bombardando l’ultimo post del Governatore di commenti in cui spicca l’hashtag #24novembrescuolechiuseincampania.

Dalla giornata di oggi, per consentire un rientro in classe in sicurezza, è partito il servizio di prenotazione per il tampone antigenico. Uno screening, su base volontaria, dedicato al personale scolastico, agli alunni e ai familiari conviventi di questi ultimi.

L’annuncio della parziale riapertura scolastica ha scatenato l’ira di buona parte delle mamme fin da subito insorte contro il Presidente De Luca. Queste ultime si sono riunite in un gruppo Facebook, chiamato “Tuteliamo i nostri figli, scuole chiuse in Campania”, che in poco tempo ha superato le 8.500 iscrizioni.

Proprio online, le donne si sono accordate per far sentire la propria voce. Verso le 18:00 tutte hanno lasciato un commento sotto al bollettino regionale postato dal Presidente De Luca. Ognuna di loro ha espresso il proprio rifiuto verso il provvedimento adottato dal Governatore campano ponendo in bella vista l’apposito hashtag.

Si leggono commenti del tipo: “Non toglieteci la DAD”, “tuteliamo i bambini”, “riaprire le scuole è pura follia”, “non riaprite o almeno non obbligateci a mandarli”. E ancora messaggi che si pongono contro il versante opposto: viene considerato assurdo il comportamento dei genitori che propendono per la ripresa delle attività scolastiche.

Reazioni simili avevano animato le mamme campane quando il Presidente aveva annunciato la chiusura dei plessi scolastici. Seguirono proteste e lamentele, anche col supporto del personale scolastico. Adesso che ci muoviamo verso una progressiva riapertura ad insorgere è l’altro schieramento: quello che considera la ripresa delle lezioni in presenza un serio pericolo per l’incolumità di bambini e ragazzi.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più