Maltempo al Sud, Sarno flagellata dal forte vento. Canfora: “Chiederò lo stato di calamità naturale”

sarno danni vento
Foto Portavoce Sindaco Giuseppe Canfora

Anche la città di Sarno è costretta a fare i conti con i danni causati dalle forte raffiche di vento. Il maltempo che ha interessato il Sud Italia, in particolare Crotone, ha messo in ginocchio anche il comune campano. Di qui l’intervento dal portavoce sindaco Giuseppe Canfora, pronto a chiedere lo stato di calamità.

Queste le sue parole: “Chiederò lo stato di calamità naturale. Non solo Covid, a rendere difficile la situazione durante il fine settimana è stato anche il forte vento che ha flagellato la nostra città. Fortunatamente non si contano feriti ma i danni sono ingenti. Il forte vento ha sradicato alberi e causato danni a molte strutture pubbliche e private.”

“Danni ingenti anche all’agricoltura e a molte aziende agricole. Sono in corso le operazioni di pulizia e messa in sicurezza delle aree devastate dalle forti raffiche di vento.”

I danni del maltempo a Crotone

In vista dell’allerta meteo emanata dalla Protezione Civile, l’amministrazione comunale aveva già emanato un’ordinanza con la quale aveva disposto la chiusura del cimitero oltre ad altri luoghi pubblici. Ancora una volta, nella giornata di ieri ha sollecitato la cittadinanza a non uscire di casa.

“Il vento non si placa e continua a fare danni mettendo a grave rischio la pubblica incolumità. Ribadisco a tutti l’importanza di restare a casa e mettersi al sicuro. Non restate in luoghi aperti per curiosità, per fare video e foto rischiando di farvi del male.”

Già ieri, infatti, a Sarno si contavano numerosi danni causati dal forte vento. Situazione che si è ulteriormente aggravata questa notte spingendo il Centro Operativo Comunale a riunirsi per agire sulla messa in sicurezza del territorio.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più