Pubblicità dell’Istituto Tumori di Milano sui Pullman Anm di Napoli: a gestirla è una società milanese

pubblicità anm

In queste ore si sta molto discutendo dell’attacco che ieri in conferenza stampa il governatore Vincenzo De Luca ha fatto contro una pubblicità comparsa su alcuni pullman dell’Anm in circolazione a Napoli. Una campagna che non è piaciuta al governatore che ha affermato, senza mezzi termini:

“Devo registrare un episodio vergognoso che si è verificato in queste ore. Abbiamo registrato una campagna pubblicitaria fatta sui pullman che circolano a Napoli. Una campagna dell’istituto Nazionale dei tumori di Milano. Cari nostri concittadini, siamo di fronte ad un ennesimo atto vergognoso di speculazione sulla pelle dei malati. Abbiamo a Napoli il principale Istituto dei Tumori d’Italia, il Pascale che è un’eccellenza nazionale, europea e mondiale”.

Abbiamo quindi provato a capire chi si è occupato di questa campagna pubblicitaria. L’addetto stampa dell’Anm ci ha spiegato come non sapesse neanche cosa fosse sponsorizzato sui pullman di Napoli. L’azienda di mobilità napoletana, partecipata al 100% dal Comune di Napoli (e quindi dal tanto ‘odiato’ de Magistris), non si occupa delle pubblicità sui mezzi di trasporto locale e quindi era ignara anche di questa sponsorizzazione dell’Istituto Tumori di Milano.

A gestirla è infatti la IGP Decaux. L’azienda, con sede a Milano, ha alcuni consulenti che si occupano della pubblicità su Napoli. Abbiamo provato a chiamare tre di loro ma nessuno ha saputo rispondere. La prima, Rosaria Bonifacio, che si occupa del commerciale ci ha spiegato:

“Vuoi sapere della pubblicità sui pullman Anm? Questi sono dati sensibili, non posso darteli. Prova a chiamare a Milano ma se ne parla lunedì perchè oggi è sabato e gli uffici sono chiusi”.

La seconda, Valeria Cortucci:

“Mi dispiace non posso aiutarti. Non so nulla. Prova a chiamare a Milano anche se ora gli uffici sono chiusi”.

Il terzo, Kimedia S.r.l:

“Non ne sappiamo nulla. Prova a chiamare a Milano ma so che stanno lavorando in smart working. Vedi se ti rispondono”.

Abbiamo quindi provato a chiamare a Milano (sede centrale) e al numero indicato come ufficio stampa: risponde una casella vocale pre-registrata o squilla a vuoto.

Potrebbe anche interessarti