Amarcord Napoli, quando Maradona giocò una partita con la maglia del Granada

granada maradona

Napoli – quando Maradona giocò con la maglia del Granada. A volte il destino sembra scherzare con i sentimenti e gli avvenimenti che ci accadono intorno. E’ il caso del Napoli che nei sorteggi di Europa League ha pescato il Granada – match il 18 e 25 febbraio.

Non tutti sanno però che Granada e Napoli sono legate da un campione che ha fatto grande il club azzurro, Diego Armando Maradona. Infatti, il campione argentino scomparso poche settimane fa, giocò nel lontano 1987 una partita con la maglia degli spagnoli.

Nell’estate dopo il primo storico scudetto del Napoli, le due squadre trovarono un accordo per l’acquisto di uno dei fratelli di Diego, Raul (Lalo), che passò nelle fila dei bianco rossi. Nell’accordo siglato però c’era una clausola: far giocare una partita con la maglia del Granada a tutti e 3 i fratelli Maradona – c’era anche Hugo all’epoca in prestito all’Ascoli.

Detto fatto, il match andò in scena il 16 novembre del 1987 davanti a migliaia di tifosi riunitisi allo Stadio “Los Carmenes” per ammirare Diego e i suoi fratelli. El pibe de oro lasciò la 10 a suo fratello Lalo, lui indossò la 9 e la partita fu disputata contro il Malmo, all’epoca allenato dall’inglese Roy Hodgson, con il risultato finale di 3 a 2 per gli spagnoli.

Capello riccio inconfondibile, orecchino al lobo sinistro, Diego incantò tutto lo stadio segnando una splendida punizione con il suo sinistro magico, a segno andò anche il fratello Lalo.

Quella stagione però non finì bene per nessuno dei 3 fratelli: Diego perse quello che sembrava uno scudetto quasi scontato con la maglia del Napoli, Lalo e il suo Granada retrocessero in seconda divisione e Hugo fallì miseramente con l’Ascoli.

I tifosi del Granada però non dimenticheranno mai quel giorno di 33 anni fa quando videro giocare con la maglia della loro squadra del cuore il giocatore più forte del Mondo, quello stesso giocatore che ha dato il nome allo stadio che calcheranno il prossimo 25 febbraio.

Potrebbe anche interessarti