Clementino presenta Partenope, brano dedicato a Napoli: “Nisciuna è cchiù bella”

clementino partenope
Foto Fb Clementino

Nel giorno del suo 38esimo compleanno, il cantante napoletano Clementino ha voluto fare un regalo a sé stesso e alla sua città natale. Dopo il successo come giurato in ‘The Voice Senior’ è infatti uscito oggi il singolo ‘Partenope‘ che è un omaggio a Napoli e alle sue bellezze. La data scelta per l’uscita del brano non è causale, il 21 dicembre è infatti è anche l’anniversario della fondazione del capoluogo campano.

La vita di Clementino non è stata facile e rispecchia un po’ le due facce di Napoli e la storia di rinascita di Partenope.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CLEMENTINO (@clementinoiena)

Questo il testo di Partenope scritta da Clementino:

Stasera t’aggi’a parlà
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
E Partenope stasera

Stanotte m’affaccio ô balcone
Te guardo e sî ‘a meglia guagliona
Me diceno ca nun staje bono
Sì, t’hanno tuccato cchiù vote
Te sporcano pe’ n’ata vota
E penzano: “Chi se ne fotte?”
E nuje ca simmo figlie tuoje
Currimmo bendate ‘int”o scuro
E ‘a storia ca parla pe’tté
Tu ca sî tale e quale a me
So’ nato ‘o stesso juorno tujo
‘A vita saje che è nu mistero
Perdona pe’ chello ca è
Ancora me chiedo ‘o pecché
Stanno me metto a penzà
Ca sî l’unica verità

Stasera t’aggi”a parlà
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
E Partenope stasera

Uoh oh oh oh
Uoh oh oh
Partenope stasera
Uoh oh oh
Uoh oh oh
Nu canto ‘e na sirena (Nu canto ‘e na sirena)
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera (E Partenope stasera)

Damme chello ca m’hanno luvato
Guarda comme c’hanno cumbinate
Vide ca nun simmo maje cagnate
Mare e sole ca s’hanno ‘ncuntrate
‘Sti guagliune sempe scumbinate
Chi p”o male po’ s’è fulminato
Ma ne trove sempe ancora ll’ate
Gente ca s’è ‘nnammurata
Na sinfonia ca scorre dint”e vene
Varie quartiere fino abbascio ‘e Vele
Passanno da periferia c”a famme
E po’ cumbatto comme a nu guerriero
Chi vene ‘a Napule è DNA
Te chiammo “fratemo” si tu staje ccà
Ma quale America, ‘e che vuó parlà?
Faccio na dedica pe’ ‘sta città

Chi la conosce e po’ ne parla male
Chi sta luntano, torna e se ne va
Chiagnenno pecché po’ l’ha dda lassà
E chi cumbatte ancora e resta ccà

Stasera t’aggi’a parlà (Stasera t’aggi’a parlà)
Pecché m”o sento a ‘into
Lettere a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena (Nu canto ‘e na sirena)
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo (Tante sotto a ‘stu cielo)
Ma nisciuna è cchiù bella
E Partenope stasera

Nu canto ‘e na sirena (Nu canto ‘e na sirena)
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo (‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo)
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera (E Partenope stasera)

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più