Vaccino, Sandra Zampa contro De Luca: “Non ha rispettato i criteri. Non è la prima volta”

Vaccino covid – Vincenzo De Luca tra i primi a vaccinarsi. Che De Luca abbia fatto parlare di sé in questi mesi di pandemia è ormai cosa saputa. Le sue uscite nel primo lockdown avevano attirato l’apprezzamento di tutti, apprezzamento che poi mano mano si è affievolito con le restrizioni sempre più stringenti sulla Campania per non aggravare ancora di più la situazione covid negli ospedali.

Ieri però il Governatore De Luca è stato attaccato nuovamente per la sua ultima azione, essersi sottoposto al vaccino. Infatti nella giornata di ieri, il “vaccine day“, l’antidoto doveva essere simbolicamente iniettato soltanto ad alcuni medici ed operatori sanitari – le categorie in prima linea contro la battaglia al covid.

De Luca invece si è vaccinato “per dare una dimostrazione ai cittadini”, come ha detto lui stesso. Tanti però sono i colleghi che lo hanno contestato, in prima linea il suo “nemico” di questo 2020 Luigi de Magistris. Il sindaco di Napoli infatti ha detto:

Trovo davvero inqualificabile e indegno l’abuso di potere del Presidente De Luca che approfitta del suo ruolo istituzionale per vaccinarsi quando il vaccino, nelle prime settimane, deve essere destinato esclusivamente, considerate le pochissime quantità disponibili, a medici, infermieri, operatori sanitari ed anziani delle RSA“.

Vincenzo De Luca però è stato attaccato anche stamattina da Sandra Zampa, sottosegrataria alla Salute, intervenuta nel programma Agorà. La Zampa non ha infatti gradito il comportamento dell’ex sindaco di Salerno riguardo la sua vaccinazione.

De Luca non ha rispettato i criteri indicati dal ministero della Salute. Non è la prima volta che non le rispetta, o ritiene che le indicazioni fornite da ministero e Governo non siano di suo gradimento. Nelle priorità date c’erano medici, operatori socio-sanitari e anziani delle Rsa.

Ieri era una giornata simbolica – ha sottolineato Zampa – che abbiamo inteso assolutamente dedicare alle categorie più vulnerabili e più colpite dall’infezione da coronavirus Sars-CoV-2. La vaccinazione proseguirà con criteri che indicano priorità, De Luca non ha rispettato questi criteri“.

Potrebbe anche interessarti