‘Tamponi per tutti’ gratuiti tra Napoli e Provincia, si parte col Parco Verde di Caivano: tutte le date

tamponi tuttiIn Campana sono tantissime le iniziative di solidarietà a favore di chi non può permettersi un tampone. Dopo il ‘tampone sospeso’ del Rione Sanità, è ora il turno del ‘Tampone per tutti‘. L’unità mobile dell’Ordine dei Farmacisti di Napoli effettuerà infatti tamponi rapidi per diagnosticare il Covid a quella popolazione che si trova nei luoghi più poveri e in difficoltà della provincia di Napoli. Si parte giovedì 7 gennaio dal Parco Verde di Caivano in una due giorni che vede la partecipazione anche di don Maurizio Patriciello.

Tutti i risultati dei tamponi raccolti dal camper confluiranno sulla piattaforma ‘Covid Sinfonia’ della Regione Campania e rientreranno quindi nel computo dei casi accertati. Un ricco calendario (fino a febbraio) che vede diversi luoghi e città: da Napoli a Pozzuoli, passando per Caivano, Torre del Greco, San Giuseppe Vesuviano.


COME PRENOTARE IL TAMPONE PER TUTTI

Le prenotazioni potranno avvenire attraverso i referenti o le farmacie del posto o attraverso gli enti assistenziali e religiosi che operano sul territorio. L’iniziativa si avvale della collaborazione di Federfarma Napoli.

Come dichiarato dal il presidente dell’ordine dei Farmacisti di Napoli Vincenzo Santagada e Riccardo Iorio, presidente di Federfarma Napoli:

“Dopo l’iniziativa ‘Un farmaco per tutti’, l’Ordine dei Farmacisti di Napoli si appresta a realizzare anche ‘Un tampone per tutti’. Abbiamo appena firmato un protocollo d’intesa che ci consente di dare un ulteriore forte contributo al territorio e al sistema sanitario. Saranno effettuati tamponi rapidi antigenici nel pieno rispetto delle modalità operative riportate nel protocollo d’intesa”.

Come fa sapere in un comunicato Federfarma:

“L’iniziativa continua su quelle già attive, Un Farmaco per tutti e Una Visita per Tutti, che hanno come obiettivo quello di contrastare la povertà sanitaria e di seguire le persone fragili che in questo momento vivono una situazione difficile: i farmacisti sul territorio e a fianco come sempre delle persone fragili”. 

Potrebbe anche interessarti