Covid, l’allarme di Nicola Maturo (Pronto Soccorso del Cotugno): “Siamo di nuovo pieni”

cotugno covidNelle ultime settimane sono aumentati i casi covid in Campania (con un’incidenza che oggi è al 9,4%) creando qualche preoccupazione al Cotugno di Napoli. Le misure restrittive durante le festività hanno infatti consentito alle persone di poter visitare amici e parenti (massimo due per volta), un rilassamento che però potrebbe causare chiusure nei prossimi mesi, come annunciato dal governatore Vincenzo De Luca. In queste ultime settimane infatti si registra un aumento dell’Rt e dell’occupazione dei posti negli ospedali.

Il giornalista Enzo Perone del TgTre Regione Campania ha quindi intervistato Nicola Maturo, Primario del Pronto Soccorso dell’Ospedale Cotugno di Napoli in prima linea nell’emergenza covid. Queste le sue parole:

“C’è stato un aumento di ricoveri. Noi in questo momento siamo pieni, le persone vengono spontaneamente. E’ un afflusso continuo nell’arco della giornata. Le condizioni dei pazienti sono serie, hanno tutti polmoniti e dispnea, siamo ritornati all’inizio del mese di marzo. Non c’è stato nessun cambiamento come aggressività del virus che ha gli stessi effetti. Se ci sarà un cambiamento questo avverrà solo con la vaccinazione di massa e spero inizi quanto prima per la popolazione civile. Noi sanitari ci stiamo già sottoponendo tutti alla vaccinazione”.

Secondo l’ultimo bollettino diffuso dal Ministero della Salute, in Campania sono 1.365 le persone ricoverate con sintomi, 104 quelle in terapia intensiva con un aumento rispetto a ieri di +9 persone. La maggior parte, 71.284, è invece in isolamento domiciliare. In contemporanea procede spedita la campagna di vaccinazione. La Campania al momento è al primo posto in Italia come percentuale di persone vaccinate (86.548) rispetto alle dosi ricevute (101.145) per un totale dell’85,6%. La Regione più virtuosa del nostro Paese.

Potrebbe anche interessarti