Coronavirus, scienziati al lavoro su un vaccino jolly per combattere future pandemie

coronavirus vaccino jolly

È in via di sviluppo un vaccino jolly che potrebbe funzionare non solo contro il Covid-19, ma anche contro altri coronavirus che dagli animali potrebbero fare il salto di specie e passare agli umani. Un vaccino che sarebbe in grado di immunizzare le persone già prima del verificarsi di future pandemie.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science dai ricercatori del California Institue of Technology ed è stato sperimentato sui topi. La tecnologia prevede l’utilizzo di nanoparticelle a mosaico che nell’organismo mostrano al sistema immunitario dei pezzi di proteine di otto diversi coronavirus.

Questa nanoparticella ha una gabbia che ha 60 proteine identiche tra di loro. Ogni proteina ha sulla superficie un’etichetta sulla quale i ricercatori della California, guidati da Alexander Cohen, hanno attaccato frammenti delle proteine Spike di 8 coronavirus differenti che sono già in circolo negli animali, tra cui pipistrelli e pangolini.

Le iniezioni di questo vaccino jolly contro i coronavirus sono state somminsistrate ai topi in una sola dose e hanno ‘spiegato’ al sistema immunitario i tratti tipici dei vari coronavirus. Sono stati prodotti, così, degli anticorpi che attaccano sia il Covid-19 che altri virus emergenti, come spiegato dall’Ansa.

Il prossimo step sarà quello di verificare se il vaccino jolly è capace di prevenire l’infezione e la nascita dei sintomi. A commentare lo studio, Alexander Cohen, ricercatore che lo sta guidando: “Se riuscissimo a dimostrare che la risposta indotta dalle nanoparticelle protegge dalla malattia che deriva dall’infezione, allora potremmo sperare di portare avanti questa tecnologia per testarla sull’uomo, anche se la strada sarebbe comunque molto lunga.

“Non pensiamo che questa metodologia possa rimpiazzare i vaccini esistenti, ma è bene avere più strumenti per affrontare future minacce virali emergenti“.

Potrebbe anche interessarti