Confesercenti Campania: “Accolta la richiesta di ristori a tutte le imprese. Lavoriamo a un anno bianco”

Foto Facebook-Confesercenti Napoli

La dura lotta delle imprese sembra avere una tregua. All’indomani dell’incontro tra il viceministro dell’Economia Misiani e Giunta Nazionale di Confersercenti, è stata accolta la richiesta di ristori a tutte le imprese. Ora Confesercenti Campania è al lavoro per ottenere un anno “bianco”, senza tasse.

Altresì, Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Interregionale, spiega che “il viceministro ha accolto le nostre richieste di assicurare ristori, per il mancato fatturato del 2020 rispetto al 2019, a tutte le categorie d’impresa, senza fare distinzioni tra i codici Ateco”.

Schiavo ha chiesto anche di bloccare 50 milioni di cartelle esattoriali, evitando così a molte imprese di fallire. All’incontro della Giunta Nazionale di Confesercenti si è anche sottolineato lo stato delle 50mila aziende campane che non riescono a pagare i propri debiti, e quanto sia importante ad ora l’intervento del Governo per non far crescere il tasso di disoccupazione.

In questo senso chiediamo al governo di creare un “anno bianco fiscale” nel corso del quale l’obiettivo dell’imprenditore dovrà essere quello di rafforzare le risorse umane che lavorano con lui: un anno senza tasse per investire, per pagare i dipendenti e per assumere altri lavoratori”.

Confesercenti, sostenitrice di tutte le categorie di lavoratori, è anche affiliata con CTI (Commerciali Turismo Italia), associazione che raggruppa gli agenti di commercio del mondo del turismo, affiliazione con l’Associazione Luminaria Italiane associazione che raggruppa gli agenti di commercio del mondo del turismo.

Le due associazioni costituiscono tasselli importanti dell’economia italiana. “Confesercenti Campania è una struttura propulsiva volta sempre a sostenere tutte le categorie, senza lasciare indietro nessuno”, ha concluso Schiavo.

Potrebbe anche interessarti