Giallo a Napoli: chirurgo trovato morto in una stanza d’albergo

Foto Facebook-Nicoletta Teodora Ciro Castagna

Un noto chirurgo di Napoli, Fabrizio Lojodice, è stato ritrovato morto in una stanza d’albergo del centro. Le circostanze del suo decesso sono ancora avvolte nel mistero.

Secondo quanto riporta Il Messaggero, il corpo senza vita del chirurgo è stato trovato ieri mattina, riverso sul letto di una stanza di un hotel a Chiaia. Il medico aveva 51 anni e abitava nello stesso quartiere con la moglie e i figli, e non conosciamo ancora i motivi per cui si sia recato a dormire in albergo.

Ad allertare il personale dell’hotel una telefonata della moglie, che sapeva dove si trovasse il marito ed era preoccupata perché non rispondeva al cellulare. È stata una delle impiegate dell’hotel a trovare il cadavere, e sono state immediatamente allertate le forze dell’ordine. All’arrivo dei soccorsi, come appurato dai sanitari del 118, il chirurgo era morto da circa tre ore.

Sul decesso di Fabrizio Lojodice stanno già indagando i carabinieri della Compagnia Napoli Centro. Gli investigatori, che hanno posto sotto sequestro la salma, al momento non escludono nessuna pista, dalla morte naturale all’ipotesi di un suicidio.

La notizia della morte di Lojodice è stata scioccante non solo per Napoli, ma anche per la comunità ischitana. Il medico, infatti, era da anni in forza all’ospedale Anna Rizzoli di Ischia, ma era anche molto conosciuto nella sua città. Questo il commento della redazione di ICity Special Health:

Mi dispiace molto sapere della morte del chirurgo Fabrizio Lojodice. Ad Ischia, in particolare, è stata molto apprezzata la sua professionalità e la comunità del Rizzoli di Lacco Ameno lo considera un eccellente professionista. È sempre molto difficile accettare la morte di una persona giovane, lo è ancora di più quando la scomparsa arriva improvvisa e brutale come un fulmine. Spesso la vita ti impone di indossare una corazza, ma altrettanto spesso quella armatura diventa troppo pesante, a volte davvero troppo…”.

Una sua paziente invece scrive:

Il mio caro dottore… mi mancherai tantissimo. Ischia ha perso una persona stupenda, non ho parole, non voglio crederci ma tu sarai sempre nel mio cuore. Fabri riposa in pace“.

Potrebbe anche interessarti