Addio a Ida, una giovane mamma stroncata da un male incurabile

Foto Facebook-Ida Fiorbello

Addio a Ida Fiorbello, giovane donna che ha lasciato suo marito e un bimbo di due anni a soli 37 anni. Ida viveva a Napoli e combatteva da tempo contro un male incurabile.

A dare l’annuncio della sua scomparsa è stato suo cugino, Gennaro Saiello, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle. Gennaro ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook per dare l’addio a Ida Fiorbello.

Sono affranto! Questa notte è venuta a mancare mia cugina Ida Fiorbello. Per ogni essere umano il destino è qualcosa di imprevedibile, con te è stato ingiusto e crudele e ha voluto privarti troppo presto della gioia di veder crescere il tuo amato bambino.

Il solo pensiero è qualcosa di straziante! Nel cammino della vita, una volta cresciuti è fisiologico che ci si allontani a causa del lavoro e degli impegni di ciascuno. La vita evolve, sfugge e spesso non ci rendiamo conto. In questi mesi abbiamo pregato per te. Stavi combattendo una guerra“.

Eri una persona buona, solare, dinamica e anche se non avevamo modo di vederci spesso o sentirci sappi che hai lasciato un vuoto nel nostro cuore. Ricordo quella lunga chiacchierata di qualche anno fa. Ci incontrammo per caso su un traghetto che da Ischia ci avrebbe accompagnato a Napoli. Entrambi di ritorno da impegni lavorativi e fu un’occasione ghiotta per parlare dei preparativi in vista del tuo matrimonio”.

“Avevi gli occhi pieni di luce e di aspettative. I tuoi progetti erano chiari, l’amore per il tuo futuro marito, la famiglia e una casa così come desideravi. Il pilastro della tua vita… la FAMIGLIA! È stato un destino infame, tutti coloro che ti vogliono bene stanno vivendo un dramma ma sono certo di una cosa, che dalla tua nuova dimensione, la tua luce, il tuo amore continuerà a guidare il percorso di tuo figlio e di chi hai amato e voluto bene. R.I.P Cuginetta“.

Sono affranto! Questa notte è venuta a mancare mia cugina Ida Fiorbello. Per ogni essere umano il destino è qualcosa di…

Pubblicato da Gennaro Saiello M5S su Martedì 26 gennaio 2021

Potrebbe anche interessarti