Vaccino, AstraZeneca non regge alla variante sudafricana: l’efficacia si riduce al 10%

vaccino anti-covid

I primi studi sull’impatto del vaccino AstraZeneca in presenza di varianti del covid non hanno dato esiti incoraggianti. Sembrerebbe, infatti, che il farmaco sia efficace solo al 10% sui casi di contagio lieve o moderato legati al ceppo sudafricano. 

AstraZeneca e varianti covid: efficacia al 10%

Si tratta, dunque, di una percentuale minima resa nota da alcuni studi condotti in Sudafrica in via preliminare e in attesa di valutazione da parte dell’Oms. I risultati deludenti delle prestazioni di AstraZeneca in presenza della variante in questione, confermano i timori di buona parte degli esperti, preoccupati che l’avvento dei nuovi ceppi possa compromettere l’efficacia del vaccino.

Il vaccino AstraZeneca soltanto da poco ha ricevuto il via libera dall’AIFA per la messa in distribuzione. A breve contribuirà, insieme a Pfizer e Moderna, a proseguire la campagna vaccinale italiana. In assenza di varianti, infatti, la sua efficacia è stata dimostrata attestandosi come ottima arma per combattere la pandemia in corso.

Uno degli ultimi studi ha messo in luce un aumento dell’efficacia fino all’82% se le due dosi vengono somministrate a distanza di tre mesi. Nonostante ciò, resta comunque meno elevata rispetto a quella dei due concorrenti già ampiamente utilizzati.

Inizialmente, a causa degli scarsi dati a disposizione, ne era stato raccomandato l’utilizzo soltanto per la fascia d’età che va dai 18 ai 55 anni. Poco dopo è giunta una precisazione dell‘AIFA che confermava il beneficio anche per le persone che superavano quella soglia d’età.

Dunque, con il sopraggiungere di ulteriori dati sull’efficacia nei soggetti sopra i 55 anni si potrà rivalutare il posizionamento del preparato e somministrarlo, eventualmente, anche alle persone verso le quali oggi c’è un atteggiamento di prudenza. L’unica pecca risiederebbe proprio nell’incapacità di combattere i nuovi ceppi del virus che hanno fatto il loro ingresso anche in Italia destando non poche preoccupazioni.

Potrebbe anche interessarti