Parcheggiatori abusivi all’assalto!

Port'Alba, auto in sosta selvaggia al posto delle bancarelle dei libri

Con il Corriere del Mezzogiorno e un bel gruppo di utenti dei Social Networks diffondiamo la triste notizia che ormai via Port’Alba, sgomberata a suon di multe e liquidazioni, è divenuto un enorme parcheggio ad importanza strategica per la ricca casta dei parcheggiatori abusivi. Certamente un margine di colpevolezza è da attribuire a chi usufruisce del servizio ma, di certo, sono corresponsabili anche la Polizia municipale che non vigila sulla zona e l’amministrazione comunale che se la fa fare sulla soglia di casa e non coordina e non decide in base a uno studio sistemico e predittivo dei cambiamenti in città. Port’Alba ormai è solo un pezzettino di un circolo vizioso, il quale comprendendo via Mezzocannone e via Sedile di Porto, piazza Dante e parte della ztl sino a piazza Bovio e via De Pretis, costituisce un’enorme superficie comunale alla berlina di parcheggiatori abusivi, i quali con minacce e intimidazioni estorcono l’obolo per il presunto servizio di vigilanza. Per non parlare degli introiti camorristici. Alla camorra spetta una parte dei guadagni ricavati dalla zona data in concessione. Un’intera economia sommersa, e di quartiere, si regge su questi approcci medievali di gestione della sicurezza e della mobilità. A chi dovremo rivolgerci per studiare e risolvere questa questione?

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più