Nessuna vaccinazione a casa per gli over 80. L’Asl Napoli 1 avvisa: “Attenti alle telefonate, sono presunti medici”

vaccinazione casa

In questi ultimi giorni sono aumentate le truffe ai danni delle persone che si devono sottoporre al vaccino in Campania. Soltanto ieri il governatore Vincenzo De Luca aveva smentito una fake news riguardante altre sei categorie che potevano aderire alla piattaforma per richiedere il vaccino in Campania. Oggi è l’Asl Napoli 1 Centro a segnalare telefonate con presunti medici che prendono appuntamento per recarsi a domicilio dalle persone anziane o che non possono deambulare. Molto probabilmente si tratta di una truffa ardita ai danni degli over 80, categorie più fragili e sole.

Come si legge nel comunicato diffuso dall’Asl Napoli 1 Centro, nessuna vaccinazione è prevista a casa con chiamata preventiva e visita di medici a domicilio:

Nelle ultime ore alcuni utenti stanno segnalando di aver ricevuto telefonate concernenti la vaccinazione domiciliare per cittadini non in grado di deambulare. Telefonate che in alcuni casi preannunciano la visita di presunti medici presso il domicilio dell’assistito. L’ASLNapoli 1 Centro, per voce del suo direttore generale Ciro Verdoliva, sottolinea che al momento nessun ufficio dell’Azienda sta effettuando tali telefonate, che devono dunque essere considerate false e potenzialmente anche finalizzate ad eventuali truffe nei riguardi degli over 80″.

Come spiegato dal direttore Ciro Verdoliva la modalità di chiamata per il vaccino non prevede una telefonata ma bensì un sms inviato al numero indicato al momento della prenotazione:

L’ASL Napoli 1 Centro contatterà gli anziani che si sono prenotati per la vaccinazione presso il proprio indirizzo di residenza o di domicilio solo con un SMS inviato sui cellulari registrati in piattaforma”.

Conclude l’Asl Napoli 1 Centro:

“L’invito è dunque alla massima cautela in caso di telefonate sospette. La direzione strategica dell’ASL Napoli 1 Centro ribadisce inoltre che possono accedere ai punti vaccinali solo gli utenti aventi diritto, registrati in piattaforma e convocati tramite SMS”.

Potrebbe anche interessarti