Covid, addio a Valeria D’Esposito: la nota giornalista muore a 49 anni

valeria d'esposito
Foto Facebook-Marina Alaimo

Il mondo del giornalismo campano è in lutto per la morte di Valeria D’Esposito. La nota giornalista casertana se n’è andata all’età di 49 anni, a causa delle complicazioni dovute al covid.

Valeria D’Esposito era il volto noto del portale web Visit Campania, grazie al quale aveva portato le bellezze della nostra terra in tutta l’Italia, diventando un volto noto del giornalismo. La donna faceva da tempo i conti con una malattia rara, che, come raccontato da lei stessa, la costringeva a letto per lunghi periodi. Ma proprio da questa sofferenza era nato il portale web che l’avrebbe resa famosa.

Bloccata a letto a causa delle frequenti e lunghe terapie salvavita, decisi di dar vita a quel sogno che da troppo tempo giaceva nel cassetto, utilizzando quello spazio virtuale, e iniziando a pubblicare i primi post su un blog che mi ero costruita da sola, rudimentale, ma tanto utile per me“. Così Valeria D’Esposito descriveva la nascita del suo portale sul web.

Molti sono i colleghi e gli amici che le hanno dedicato un pensiero sui social. “Che la terra ti sia lieve dolcissima Valeria D’Esposito, sempre disponibile e signora nei modi e nell’essere“, scrive un’amica. “Visit Campania rimarrà il tuo viaggio. Ma quando finisce questa guerra assurda?”.

Anche la pagina dell’hotel di Caserta “Cas’e Charming House” le dedica un affettuoso pensiero: “Una professionista attenta e scrupolosa, una donna appassionata e visionaria, lungimirante e vulcanica. Valeria ora si celerà allo sguardo di chi l’ha amata o ha incrociato il suo sorriso almeno una volta ma resterà nel cuore di tutti noi, un fiore d’acciaio che ha provato a resistere con mille attenzioni al contagio, invano.

Perdiamo un’amica vera e leale con l’amarezza di non averla potuta stringere tra le nostre braccia un’ultima volta.
Alla mamma Giovanna, al marito Mario ed a tutti quelli che l’hanno amata va il nostro pensiero. A noi tutti il monito di fare attenzione e di pensare sempre alle persone fragili che ci circondano e che hanno, proprio per la consuetudine alla sofferenza, maggior diritto di chiunque altro di vedere preservata la loro vita. Perché ogni vita è unica e preziosa. Un bacio bello Valeria”.

Potrebbe anche interessarti