Pregliasco, virologo: “Le varianti sono un pericolo per la Campania”

Pregliasco

Intervistato al Tg di canale 21, parla il virologo Pregliasco: “Pericolo varianti per la Campania“-. Dallo scorso lunedì, infatti, la regione è collocata nella fascia di rischio più alta. Le restrizioni aumentano in alcune zone limitrofe del capoluogo, colorate di un “rosso rafforzato”. Secondo il virologo, infatti, essendo la Campania una regione densamente abitata, risulta più difficile arginare le varianti. Basti pensare a quei luoghi di Napoli come il quartiere Sanità e la Pignasecca per immaginare quanto sia facile la diffusione delle varianti, soprattutto delle più conosciute inglese e brasiliana. Proprio ieri, il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha emanato un’ordinanza con ulteriori restrizioni. Pare inoltre che la fascia più contagiata da queste nuove tipologie di Covid siano i ragazzi che “fanno parte del gruppo dai 3 ai 19 anni“-, ha detto il virologo. Essere stati affetti da una variante, afferma Pregliasco, immunizza solo per tre mesi, a differenza dei sei mesi di protezione dopo la guarigione dalla malattia originale.

Pregliasco sui vaccini: “Ogni vaccino è disponibile e sicuro”

Ogni vaccino è disponibile e sicuro, appena possibile facciamolo“-. Queste le parole del Dottor Pregliasco sui vaccini. Mentre la campagna vaccinale procede lentamente, il virologo afferma che è necessario fare i vaccini in quanto proteggono dalle infezioni e dalle forme più gravi della patologia. Fa un’importante affermazione che risulta rassicurante: “parlando ad esempio dell’ Astrazeneca – ritenuto da molti di serie B – stiamo riscontrando risultati ben diversi e superiori rispetto agli studi clinici.”-

La scuola e le restrizioni necessarie

Purtroppo, visto che la fascia maggiormente colpita dalle varianti è l’età scolare. Dunque, secondo Pregliasco, occorre che le scuole rimangano chiuse. Il virologo, in realtà non da la colpa a scuola. Dice infatti che se norme e protocolli vengono rispettati il rischio è vicino a zero. I problemi legati all’apertura delle scuole sono in realtà la mobilità e la formazione di assembramenti in ingresso ed in uscita.

Alla domanda sulla Pasqua 2021, il virologo risponde che bisogna stringere ancora i denti. “I modelli matematici non ci danno buone previsioni, servono elementi di stringenza soprattutto in situazioni di rischio“-. E questa situazione, per Pregliasco, sembra simile all’impennata della seconda ondata. E’ importante che si rispettino le regole anche durante la Pasqua di quest’anno.

Potrebbe anche interessarti