Allarme varianti, Speranza: “Servono nuove misure, il virus corre più velocemente”

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha confermato l’arrivo di nuove misure per frenare la diffusione delle varianti del covid. Il nuovo esecutivo, infatti, è al lavoro per apportare alcune modifiche al nuovo Dpcm, emanando ulteriori restrizioni in vista delle festività pasquali.

Speranza, nuove misure contro le varianti del covid

Intervenuto nel corso della trasmissione ‘Accordi e Disaccordi’, sul Nove, ha dichiarato: “Il fatto nuovo è rappresentato da molti casi legati alla variante inglese del covid. Servono nuove misure, tarate su un virus che corre più velocemente“.

Tra le ipotesi al vaglio dei vertici spicca una possibile stretta durante il weekend che potrebbe decretare la chiusura di bar e ristoranti in tutta Italia, indipendentemente dalla fascia di collocazione. A ciò il Ministro ha risposto: “Al momento sono tutte ipotesi che abbiamo iniziato a valutare. La chiusura nel weekend è tra le possibilità. Domani il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro, ci fornirà dei dati. Le decisioni saranno sostenute da dati il più possibile aggiornati”.

A preoccupare è soprattutto la circolazione dei nuovi ceppi del virus: “C’è la novità della variante inglese, più contagiosa del 35-40%. La richiesta degli scienziati è quella di assumere misure più rigorose. Valuteremo con attenzione i numeri e adotteremo misure proporzionate”.

La variante in questione si è affermata, in maniera massiccia, anche in Campania. Una condizione che ha spinto il Presidente campano, Vincenzo De Luca, ad attuare norme ancor più stringenti, chiudendo piazze, ville, parchi e lungomari.

Non da meno la situazione a livello nazionale. Di qui la necessità, sostenuta dal Ministro Speranza, di adottare norme più rigide “per evitare un ulteriore peggioramento”. Il dato su contagi, decessi e ricoveri, purtroppo, continua a rivelare un quadro preoccupante: “C’è una variante che corre molto di più rispetto al ceppo originario. Bisogna muoversi in tempi stretti per portare la curva sotto controllo”.

“Ci sono due verità da dire con trasparenza. In tempi brevi arriveremo ad un alto numero di vaccinati e usciremo vincitori da questa storia. Ma abbiamo bisogno di tempo, di altre settimane di sacrificio. Non sono due verità in contrasto. Il vaccino è la luce in fondo al tunnel” – ha concluso.

Potrebbe anche interessarti