Napoli, addio a Paolo: “Questo maledettissimo virus lo ha annientato in 10 giorni”

paolo covidNapoli piange un’altra vittima del covid-19: a Pianura è morto il “dottor Paolo”, impiegato del Comune. A dare l’annuncio è la pagina Facebook della Pizzeria Errico Porzio di Soccavo, con un lungo post in cui invita tutti alla massima responsabilità.

Lui era mio suocero, il padre di Valentina (inutile dirlo è distrutta), residente nel popoloso quartiere di Pianura, lo chiamavamo dott. Paolo ma non perché fosse un medico (era un un’impiegato al Comune di Napoli), ma perché era un punto di riferimento per tutti, figli, nipoti, amici e per le nostre stesse pizzerie!! La sua grande disponibilità era illimitata così come la sua passione per il Napoli e per il buon cibo!

Era solare, ironico, socievole e macinava km ogni giorno col suo ciclomotore per supportare e sopportare chiunque a testimonianza della sua grande bontà. Lo abbiamo accompagnato in ospedale direttamente noi e abbiamo assistito ogni giorno, attraverso commuoventi videochiamate al suo triste declino.

Vederlo sofferente con una maschera attraverso un cellulare non resterà certo un bel ricordo. Le quotidiane telefonate non incoraggianti con l’ospedale non hanno mai messo fine alla nostra speranza perché si è sempre detto che la speranza è l’ultima a morire”.

Questa mattina, però, una telefonata diversa ha annientato tutte le speranze: Paolo, una persona sana e senza patologie pregresse, è stato ucciso dal covid. “Non era malato, non aveva patologie, non fumava ma questo maledettissimo virus lo ha annientato in 10 giorni ed è per questo che anche in un momento così tragico della nostra famiglia cogliamo l’occasione per lanciare un prezioso messaggio rivolto a tutti :

State attenti vi preghiamo, e per evitare sofferenze e dolori inaspettati usate le mascherine, mantenete le distanze , lavate spesso le mani ma soprattutto non sottovalutate mai l’invisibilità e la forza di questo VIRUS perché morire da soli, lontano dai propri cari e dalle proprie abitudini farà ancora più male della morte stessa.

Ovviamente le regole anticovid ci vieteranno una normale funzione religiosa e la possibilità di salutarlo degnamente per l’ultima volta. Domenica alle ore 13:15 presso l’esterno della chiesa ‘Il tempio’ di DON Giustino ci sarà soltanto la possibilità di un’estrema e veloce benedizione! Ciao dott Pa’ ❤“.

Potrebbe anche interessarti