Chiama da Milano la polizia e salva la madre a Napoli: arrestato 51enne

Napoli – Una telefonata che ieri pomeriggio ha messo fine l’ennesimo episodio di maltrattamento in famiglia. Gli agenti del Commissariato Vicaria Mercato di Napoli intervenuti nel caso hanno ricevuto la telefonata d’allarme direttamente da Milano. Arrestato e portato nel carcere di Poggioreale un uomo di 51 anni, attualmente a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Non si tratterebbe della prima volta che il 51enne si scagli contro la moglie, come è emerso dalle indagini, e terrorizzi i figli presenti in casa. Questa volta, l’inizio di tanta escandescenza sembrerebbe esser avvenuta dopo aver visto la Play Station ed essersi ferito. Presenti in casa con lui proprio in quel momento la figlia maggiorenne della coppia, incinta, con suo figlio di appena due anni, ritrovato in seguito dai poliziotti in casa dei vicini. Presente anche il figlio 12enne, il quale, per la paura, si era rifugiato in camera sua nel soppalco di casa. Coinvolti nel caso i servizi sociali, nell’ambito dei protocolli previsti dal progetto “Scudo” del Ministero dell’Interno.

Presentata intanto anche la denuncia da parte della moglie, la quale era sottoposta ormai da tempo a violenze di ogni genere, sia fisiche che psicologiche e morali. Non si tratterebbe della prima denuncia di questo genere. L’uomo di 51 anni in passato fu già condannato e arrestato per maltrattamento ai danni della moglie. Tali condanne risulterebbero anche espiate. Apparentemente, però, ciò non ha avuto nessun effetto sul 51enne che ha ripreso a maltrattare la moglie, anche in presenza dei figli. Sono proprio quest’ultimi ad aver chiesto aiuto più di una volta al 113. Ad effettuare la chiamata che ha reso l’arresto dell’uomo possibile sarebbe stato uno dei figli che attualmente vive a Milano. Dai controlli si evince, inoltre, che il fratello del 51enne lo avesse già denunciato, accusando di aver sparato alcuni colpi d’arma da fuoco a scopo intimidatorio.

Potrebbe anche interessarti