La Napoli dal cuore d’oro: la Tiendaequosolidale raccoglie cibo e libri da donare ai detenuti

tiendaequosolidale
Salvatore e Valentina della Tiendaequosolidale

Caro amico, se stai leggendo queste parole ti trovi in un momento difficile. Ti esorto a non mollare“. Il signor Salvatore ci mostra con orgoglio le dediche contenute nei numerosi libri che si trovano nel suo negozio ‘La Tiendaequosolidale’, nel cuore del Vomero. Centinaia di volumi che sono stati donati dai napoletani e che verranno regalati ai detenuti presenti nelle carceri campane.

Ieri la polizia penitenziaria del carcere minorile di Airola ha ritirato centinaia e centinaia di libri. Chi vuole può scrivere anche una dedica all’interno del volume. Non abbiamo la presunzione di cambiare il mondo ma vogliamo lanciare dei semi – ci spiega Salvatore D’Amico, titolare della bottega equosolidale.

E di semi di speranza ne sono stati ‘piantati’ tanti, nel negozio infatti è un via via continuo di persone che portano libri, entusiasti di questa iniziativa. Dal 6 aprile e fino a metà maggio è infatti possibile donare un pezzo di sé, un libro, che arricchirà culturalmente chi in questo momento si trova in difficoltà. Un modo di evadere, almeno con la mente.

La scelta dei volumi donati fa riflettere, tra i tanti spiccano ‘Alzatevi, andiamo’ di Giovanni Paolo II, ‘Caffè Sospeso’ di Luciano De Crescenzo, ‘Le mie favole’ di Margherita Hack e ‘Delitto e Castigo’ di Dostoevskij. Un libro infatti nutre l’anima e come scriveva Franz Kafka: “Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi”. Una sorta quindi di viaggio dentro si sé, per ritornare a vivere.

L’idea è quella di creare una Biblioteca in ogni carcere. A Febbraio abbiamo raccolto più di mille libri che sono stati donati al carcere di Poggioreale e a quello di Carinola” – ci racconta Salvatore.

Un’iniziativa nazionale lanciata dal collettino ‘Gliultimisaranno.it’ che vede Napoli, grazie al cuore dei suoi abitanti, essere una delle città più attive nella raccolta dei volumi.

Siamo lieti di annunciarvi che da martedi’ 6 aprile e fino alla meta’ di maggio riparte l’iniziativa “Dona un libro a un…

Pubblicato da La Tiendaequosolidale su Domenica 4 aprile 2021

Ma sono tante le iniziative di solidarietà organizzate da ‘La Tiendaequosolidale’:

“Prima della raccolta dei libri, nei mesi invernali, abbiamo realizzato una raccolta di coperte per i senza tetto. Avevamo il negozio invaso di coperte. Poi abbiamo organizzato anche una raccolta di giocattoli da regalare ai bimbi rom, spesso dimenticati. Abbiamo anche raccolto farmaci che abbiamo donato alla Fondazione Leone che da anni si occupa dei senza tetto, gli ultimi della società”.

Un’attenzione verso il prossimo che Salvatore ha nell’animo. In passato infatti è stato il presidente dell’Associazione ‘Napoli Insieme’ situata al centro storico.

“Ci occupavamo dei senza tetto. Due volte a settimana portavamo migliaia di pasti. Ora ho un cesto per la spesa solidale e aiutiamo chi possiamo. L’altro giorno è venuta una giovane mamma di 27 anni con due bimbi piccoli in estrema difficoltà, l’abbiamo aiutata dandole buste piene di cibo”.

La stessa passione Salvatore la mette nei prodotti che vende, tutti alimenti di piccoli imprenditori meridionali attenti all’ambiente e ai diritti dei lavoratori.

“E’ un momento difficile per i piccoli imprenditori ora schiacciati dalla crisi e dalla pandemia. Noi cerchiamo di aiutarli vendendo i loro prodotti, tutte eccellenze del Sud. Siamo molti attenti all’ambiente, basti pensare che facciamo anche consegne ma il nostro ragazzo gira in bici”.

 

Potrebbe anche interessarti