Oggi Draghi potrebbe confermare le date delle riaperture: le possibili ipotesi

Oggi il Premier Mario Draghi parlerà in conferenza stampa alle 15, probabilmente per illustrare le nuove misure anti covid che andranno in vigore a breve e le possibili riaperture. L’Rt nazionale scende ancora, attestandosi allo 0.85 contro lo 0.92 della scorsa settimana. Le Regioni vorrebbero aprire tutto e subito mentre il Governo vorrebbe essere più prudente e andare con cautela tenendo sempre d’occhio i contagi.

Campania in zona arancione

Scuola

Secondo quando riportato da “Open“, per il Premier Draghi la scuola è la prima attività che deve riprendere il pieno regime. Il ritorno degli studenti delle scuole superiori in classe al 100% potrebbe avvenire già dal 3 maggio, almeno nelle regioni con le curve epidemiche meno critiche. Sicuramente, nel nuovo provvedimento sarà previsto il ritorno del giallo nella classificazione delle zone del Paese.

Spostamenti

Per quanto riguarda gli spostamenti e considerata l’ipotesi della mobilità interregionale tra territori nella fascia di rischio gialla, dovrebbe essere confermata la possibilità di raggiungere le seconde case, anche in zona arancione e rossa.

Ristoranti e bar

Draghi non vorrebbe cedere alle pressioni del centro destra sulle riaperture di ristoranti a bar. Starebbe sfumando l’ipotesi di una riapertura anticipata il 26 aprile, più probabile che il ritorno del servizio al tavolo nei locali che hanno spazi all’aperto avvenga il primo o il 3 maggio.

Ovviamente, la riapertura dei ristoranti varrà solo per il pranzo: due i metri di distanza interpersonale da prevedere all’interno del locale, un metro per i commensali che siedono all’esterno. Prenotazione obbligatoria, misurazione della temperatura e menù plastificato o digitale le altre regole. Dalle 18, infine, dovrebbe essere consentito solo il domicilio e l’asporto.

Per i bar l’orario di apertura potrebbe essere ridotto alle 16: l’obiettivo sarebbe quello di evitare che si creino assembramenti intorno all’orario dell’aperitivo.

Palestre e piscine

Se fosse consentita la riapertura, questa avverrebbe soltanto nelle strutture che si trovano in zona gialla e con lezioni esclusivamente individuali con almeno due metri di distanziamento.

Cinema, teatri e musei

Dal primo maggio, nelle regioni in fascia gialla, si potrà andare nei musei, nei teatri e nei cinema. La norma che il governo aveva previsto per il 27 marzo scorso – e bloccata per la risalita dei contagi – entra in vigore nel primo giorno del mese. Sembrerebbe probabile l’apertura di queste strutture anche nel fine settimana, data la rigidità dei protocolli per il settore dello spettacolo e della cultura.

Coprifuoco

Il coprifuoco non sarà posticipato fino a quando non sarà consentita l’attività serale a bar e ristoranti.

Potrebbe anche interessarti