Covid, oggi il Cts decide sulle riaperture: le Regioni che potrebbero passare in zona gialla

Gli esperti del Cts (comitato tecnico scientifico) si riuniranno oggi pomeriggio per confrontarsi sulle decisioni prese dal Governo in merito alla prossime riaperture. Il loro parere sarà decisivo sulle ultime questioni da stabilire come il possibile coprifuoco ritardato fino alle 23 o le regioni da passare in zona gialla. Giovedì 22 dovrebbe essere il giorno decisivo, il giorno in cui il Governo metterà nero su bianco il nuovo decreto e stabilirà con certezza le nuove aperture e il calendario.

Dal 26 aprile infatti chi si troverà in zona gialla potrà finalmente tornare a sedersi al ristorante e al bar anche di sera (solo all’aperto), viaggiare tra regioni gialle (senza autocertificazione), riapertura delle scuole al 100% e la riapertura di teatri, cinema e musei. In attesa del consueto monitoraggio del venerdì sull’epidemia, il parere degli esperti potrebbe essere utile anche per sciogliere il nodo coprifuoco, che il centrodestra vorrebbe eliminare anche in virtù delle nuove misure permissive.

Le Regioni che sperano nella zona gialla

Secondo gli ultimi dati, sarebbero 11 le regioni (più due province autonome) che sperano di passare dal prossimo lunedì in zona gialla grazie al loro Rt sotto la soglia dell’1. Secondo quanto riferisce SkyTg24 sarebbero: Abbruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Umbria, Veneto e le province autonome di Trento e Bolzano.

Rischiano invece di restare in zona arancione: Campania, Basilicata, Toscana, Calabria e Sicilia. Invece non si dovrebbero muovere dalla zona rossa Valle d’Aosta, Sardegna e Puglia.

Potrebbe anche interessarti