Cesa, boom di contagi: il sindaco impone la “zona rossa”

Enzo Guida, sindaco di Cesa, comune italiano situato in provincia di Caserta, ha comunicato tramite un post pubblicato ieri su Facebook sulla pagina del Comune che a causa dell’elevato numero di contagi, nel comune verrà instituita una sorta di “zona rossa”.

Saranno quindi numerose le restrizioni, fin tanto che la situazione migliorerà. Allo stato attuale, la percentuale dei nuovi positivi nel Comune di Cesa, a 7 giorni, nella settimana di riferimento dal 12 al 18 Aprile 2021, è stata del 24,10% mentre il dato della Regione Campania è del 10,68%.

A seguito della riunione di questa mattina del Centro Operativo Comunale – afferma il primo cittadino di Cesa – ho sottoscritto una ordinanza sindacale che introduce una serie di limitazioni. La decisione è stata assunta tenuto conto dei dati espressi dal Piattaforma della Regione Campania Sinfonia, secondo cui l’incidenza dei nuovi positivi a 7 giorni per 100.000 residenti, nella settimana di riferimento dal 12 al 18 Aprile 2021, per il nostro comune è pari a 507,40 mentre il dato regionale è 232,38.

Inoltre la percentuale dei nuovi positivi a 7 giorni, nella settimana di riferimento dal 12 al 18 Aprile 2021, nel Comune di Cesa è stata del 24,10% mentre il dato della Regione Campania è del 10,68%. Preso atto dello sforamento delle percentuali regionali e dell’incremento consistente dei contagi negli ultimi giorni, registrato a livello locale, vi è la necessità di adottare misure di tutela della salute pubblica, in considerazione della preoccupante evoluzione dell’emergenza sanitaria.

Si è reso necessario, quindi, adottare una serie di misure:
– la chiusura dalle ore 14 del sabato sino alle ore 5 del lunedì dei bar;
– la chiusura dei circoli sociali e delle sedi di associazioni al fine di evitare l’insorgere di situazioni favorevoli alla creazione di assembramenti di persone;
– la chiusura del Parco Giochi “Padre Lepre”, salve le deroghe già previste, con precedente ordinanza, in favore delle persone diversamente abili;
– la chiusura della piazzetta interna al luogo denominato ex “Palestra del Fanciullo”;
– la chiusura della biblioteca comunale;
– la chiusura della sede della consulta comunale degli Anziani e Pensionati;
– la chiusura della sede della consulta comunale dei diversamente abili e della casa delle Associazioni, fatta eccezione per lo svolgimento del progetto di solidarietà la “Casa di Dobby”;
– il divieto assoluto di stazionamento e assembramento nelle strade, piazze e spazi pubblici comunali;
– la chiusura del cimitero comunale nei giorni di sabato e domenica, disponendo l’ingresso nel cimitero comunale, negli altri giorni, per un numero non superiore a 50 persone contemporaneamente, allo scopo di evitare assembramenti;
– la chiusura del campo sportivo comunale al pubblico;

Il dato locale, purtroppo, continua a crescere. Per quanto riguarda le scuole, invece, invieremo un report all’Asl, indicando il numero dei positivi e le classi attualmente in isolamento fiduciario, avere un parere sulle decisioni da assumere. Raccomandiamo, come sempre, la massima cautela ed il rispetto delle regole“, conclude Guida.

#EmergenzaCovid19

🔴🔴🔴A seguito della riunione di questa mattina del Centro Operativo Comunale, ho sottoscritto una…

Pubblicato da Comune di Cesa su Martedì 20 aprile 2021

Potrebbe anche interessarti