Campania gialla, la conferma dalle ordinanze di De Luca: “Rischio basso e scenario 1”

campania gialla

La Regione Campania da lunedì sarà in zona gialla. La conferma arriva dal testo contenuto nelle due ordinanze emanate oggi dal governatore Vincenzo De Luca. In attesa dell’ufficialità del Ministero Speranza, il presidente della Campania ha anticipato i dati contenuti nella cabina di regia.

Come si legge nell’ordinanza n. 16 del 23 aprile 2021 è possibile leggere il Report 48 ‘Sintesi nazionale Monitoraggio Fase 2’ (DM Salute 30 aprile 2020) con i dati relativi alla settimana 5/4/2021-11/4/2021 (aggiornati al 14/4/2021):

“Si conferma la criticità del sovraccarico diffuso dei servizi assistenziali con un tasso di occupazione a livello nazionale al sopra della soglia critica sia in terapia intensiva (39%) che in area medica (41%). Si osserva una diminuzione del livello generale del rischio, con una Regione (Calabria) che ha un livello di rischio alto secondo il DM del 30 Aprile 2020. Sedici Regioni/PPAA hanno una classificazione di rischio moderato (di cui quattro ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane) e tre Regioni (Abruzzo, Campania, Veneto) e una Provincia Autonoma (Bolzano) che hanno una classificazione di rischio basso. Cinque Regioni/PPAA (vs otto la settimana precedente) hanno un Rt puntuale maggiore di uno. Tra queste, una Regione (Sardegna) ha una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3. Due Regioni (Sicilia e Valle d’Aosta) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2. Le altre Regioni/PPAA hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo uno”.

La conclusione di questi dati è che:

“L’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,85 (range 0,71–0,97), in diminuzione rispetto alla settimana precedente e sotto l’uno anche nel limite superiore. Cinque Regioni/PPAA hanno un Rt puntuale maggiore di uno. Tra queste, una Regione (Sardegna) ha una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 3 (rosso). Due Regioni (Sicilia e Valle d’Aosta) hanno una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 2 (arancione). L’incidenza è in lenta diminuzione ma ancora molto elevata per consentire sull’intero territorio nazionale una gestione basata sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti. Di conseguenza, è necessario ridurre rapidamente il numero di casi anche con misure di mitigazione volte a ridurre la possibilità di aggregazione interpersonale. L’ampia diffusione di alcune varianti virali a maggiore trasmissibilità richiede l’applicazione delle misure utili al contenimento del contagio”.

Il governatore De Luca però in conferenza stampa ha avvisato tutti:

“Parliamo con chiarezza. Dobbiamo avere una linea di equilibrio fra esigenza sanitaria e tutela dell’economia con ma dobbiamo sapere che non possiamo giocarci l’estate. Se non ci muoviamo con attenzione ci giochiamo anche l’estate. Lo dico oggi, siamo ancora ad aprile”.

 

 

Potrebbe anche interessarti