“Non chiamarli signorine e giovanotti”: parte la campagna dell’Asl contro le discriminazioni sul lavoro

signorine giovanottiLe parole al giorno d’oggi hanno un peso. Lo sanno bene le infermiere e i medici che si sentono chiamati con appellativi e nomi che non rispecchiano la loro carica professionale. “Signorina”, “giovanotto” sono solo alcuni dei termini utilizzati.

Per sensibilizzare le persone, il personale sanitario dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore ha affisso alla parete un cartello. Eloquente la scritta:

“In questi ambulatori non esistono signorine ma dottoresse”

In poco tempo la foto è diventata virale e ha fatto il giro del web tanto da spingere l’Asl Napoli 2 Nord a lanciare una campagna di comunicazione a favore di tutti i giovani professionisti. “Non chiamarle Signorine, Non chiamarli Giovanotti”, è il titolo scelto per far comprendere come sia importante dare il giusto riconoscimento alle competenze dei medici specializzandi.

Come spiegato dall’Asl Napoli 2 Nord in un post su Facebook:

La campagna di comunicazione fa seguito alle iniziative che l’Azienda porta avanti da tempo contro la violenza sugli operatori, contro la discriminazione di genere e a favore della valorizzazione delle giovani competenze.

Su questo si è espresso anche Antonio d’Amore, Direttore Generale dell’ASL Napoli 2 Nord:

Abbiamo colto l’appello delle nostre giovani dottoresse in servizio presso il nostro centro vaccinale che chiedevano di non essere chiamate signorine, facendo diventare il loro desiderio di riconoscimento delle competenze una campagna di sensibilizzazione aziendale. Il loro appello non era la rivendicazione di un titolo, ma il desiderio della valorizzazione delle competenze. Nei nostri centri vaccinali e presso i caselli tampone sono in servizio al momento circa 200 medici; quasi tutti hanno meno di 30 anni, ma tutti hanno concluso un durissimo percorso di studi che ne attesta l’elevato livello di consocenza. Come azienda abbiamo la responsabilità di valorizzare queste professionalità, sottolineando che le loro competenze esulano da sesso ed età. Si tratta di una battaglia culturale che come Azienda Sanitaria sentiamo la necessità di fare nostra.”

“Non chiamarle Signorine, Non chiamarli Giovanotti”

L’ASL Napoli 2 Nord ha dato il via alla campagna di…

Pubblicato da Asl Napoli 2 Nord su Giovedì 13 maggio 2021

 

La campagna di comunicazione dell’ASL Napoli 2 Nord si avvarrà della comunicazione dei Social aziendali e si articolerà su affissioni all’interno dei centri vaccinali aziendali che vedono transitare oltre 10 mila persone ogni giorno.

Potrebbe anche interessarti