Covid, il virologo Perno: “L’età media dei contagi si abbassa, bisogna vaccinare i giovani”

vaccinare giovani

Da una settimana sono aperte in Italia le vaccinazioni per gli over 40 anche se alcune Regioni già stanno pensando ad eventi ed iniziative ad hoc per i più giovani. Il Lazio per esempio vuole vaccinare i maturandi mentre in Campania sono state organizzate giornate open day dai 18 anni in sù. L’ultima è l’iniziativa dell’Asl Napoli 1 per la somministrazione dei vaccini alla fascia 30-39 anni.

Tema caldo sono quindi le vaccinazioni dei più giovani. Open ha intervistato su questo argomento il professor Carlo Federico Perno, virologo direttore di Microbiologia dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma e professore ordinario di Virologia all’Università di Tor Vergata. Con l’estate alle porte, saranno infatti principalmente i più giovani a spostarsi e a poter essere un veicolo di contagio.

I giovani non si infettano di meno, casomai si ammalano di meno, che è diverso. Infettarsi vuol dire contrarre il virus all’interno del proprio organismo. Ammalarsi corrisponde ad avere una sintomatologia più o meno grave. Il virus attualmente circola soprattutto nei giovani e i dati ce lo dimostrano: l’età media delle persone che si infettano diminuisce di settimana in settimana. All’inizio della pandemia eravamo oltre i 60 anni, ora siamo intorno ai 39 anni, con un ritmo di discesa molto veloce, quasi di un anno ogni settimana. E non è soltanto perché gli anziani sono stati vaccinati, accade anche perché i giovani continuano a infettarsi con regolarità. Vaccinarsi è il gesto di solidarietà più grande e decisivo che anche i ragazzi sono ora chiamati a fare“.

Vaccinare i più giovani è quindi una priorità per diversi motivi. Si impedisce al virus di mutare e diventare più forte, trasmettendosi nel corpo di giovani, e si proteggono quegli anziani che non hanno aderito alla campagna vaccinale. Dal 28 maggio, l’Ema consentirà la vaccinazione con Pfizer anche ai giovani a partire dai 12 anni. E il virologo non ha dubbi sulla sicurezza dei vaccini.

Potrebbe anche interessarti