Jorit è in un manuale di storia dell’arte per le scuole superiori: “Ora pozzo pure murì”

Jorit muralesArtista di fama internazionale, lo street artist napoletano Ciro Cerullo, conosciuto da tutti con il nome d’arte Jorit, ora appare anche in un libro di storia dell’arte per la quinta superiore. A pagina 420 del libro di Storia contemporanea (Loescher/G.D’Anna Zanichelli), un intero paragrafo è dedicato a Jorit, 31 anni, originario di Quarto.

Jorit è riuscito a realizzare uno degli scopi più grandi degli artisti: quello di essere riconosciuto. Con le sue opere ha fatto la storia della street art insieme ad artisti come Banksy e Blu e ora lo street artist napoletano potrà essere addirittura studiato dai ragazzi e incoraggiarli a far sentire la propria voce attraverso l’arte.

Nel paragrafo a lui dedicato si legge: “Ai grandi interventi di street art si deve la rivalutazione di zone degradate: un caso emblematico è il grande murale dell’italo-olandese Jorit (Napoli, 1990) sulle pareti di un edificio popolare di San Giovanni a Teduccio, quartiere alla periferia di Napoli: l’artista ha dipinto un simbolo della citta, il calciatore Diego Armando Maradona, insieme a uno “scugnizzo napoletano”, aiutando a costruire un’identità culturale in un luogo lontano dai circuiti intellettuali”.

Il dipinto citato nel paragrafo del libro, raffigura Maradona che fissa lo spettatore con sguardo serio. Accanto a lui il volto di un ragazzo autistico di nome Niccolò. Grazie alla sua opera, ora uno dei posti oggettivamente più pericolosi della città di Napoli, da quattro anni è meta di visitatori, la maggior parte turisti, disposti a recarsi a San Giovanni a Teduccio, solo per ammirare l’opera.

Jorit, immensamente grato per questo riconoscimento, afferma, in un post pubblicato su Facebook: “Sono su un libro di storia dell’arte tra quelli che per me sono i due artisti contemporanei più grandi in assoluto Banksy e Blu. “Ora pòzzu pur murì“.

Potrebbe anche interessarti