Punta Campanella, nasce il Centro di Primo Soccorso per le tartarughe marine

centro soccorso tartarughe
Foto Us Amp Punta Campanella

Dalla balena grigia al pesce luna, sono tanti gli animali marini avvistati nelle acque della Campania. Ora un importante riconoscimento del lavoro svolto in questi anni a tutela delle tartarughe marine arriva per l’Area Marina Protetta di Punta Campanella. La Regione Campania ha infatti deciso di finanziare un Centro di Primo Soccorso.

Sono diverse infatti le tartarughe che rimangono impigliate negli ami o nelle buste di plastica lasciate in mare. Con questi soldi, l’Area marina potrà ancora di più proteggere questi esemplari di caretta caretta che abbelliscono il nostro habitat. Come reso noto dal Parco:

Una gran bella notizia per l’Area Marina Protetta di Punta Campanella e per le tartarughe: la regione Campania ha approvato l’emendamento presentato dal Consigliere Regionale Luigi Cirillo e finanzierà con 70mila euro un Centro di Primo Soccorso per Tartarughe Marine a Massa Lubrense. La struttura renderà ancora più importante e incisivo il lavoro dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella nella tutela della specie Caretta caretta. Il Parco marino della costiera, negli ultimi 12 anni, ha infatti recuperato e salvato circa 170 tartarughe, grazie alla collaborazione con i pescatori e con il Centro ricerche tartarughe marine della Stazione Zoologica A. Dohrn. Il nuovo Centro di soccorso, che sarà situato nel territorio di Massa Lubrense, potrà ospitare fino a 7 tartarughe e consentirà un incremento dei recuperi, oltre a rappresentare un sito di interesse educativo e turistico“.

Un altro problema è quello delle reti dei pescatori dove spesso rimangono impigliate le tartarughe:

L’ Amp Punta Campanella, che con il presidente Lucio Cacace si è impegnata molto in questi mesi per reperire i finanziamenti necessari, punterà molto anche a campagne di informazione e sensibilizzazione nei confronti dei pescatori. Sono loro, infatti, a segnalare la gran parte delle tartarughe in difficoltà perché finite accidentalmente nelle reti. Estendere questa collaborazione ad un numero maggiore di pescatori vuol dire salvare molte altre Caretta caretta“.

Come dichiarato da Lucio Cacace, Presidente dell’Area Marina Protetta Punta Campanella:

Siamo davvero molto contenti e ringraziamo la regione Campania per quest’importante investimento di risorse. Il lavoro portato avanti in questi anni è stato apprezzato e riconosciuto, in particolare dal consigliere regionale Luigi Cirillo, con il quale ho un rapporto di amicizia e stima reciproca da anni. Ora le azioni di tutela nei confronti di questa meravigliosa specie potranno essere ancora più strutturate. È nostra intenzione, inoltre, che il Centro di primo soccorso, oltre naturalmente a salvare e curare le tartarughe, diventi anche un punto di riferimento per l’educazione ambientale e un sito di turismo green, nell’ambito di un circuito e di una proposta territoriale attenta ai temi dell’ambiente“.

Potrebbe anche interessarti