Parco sommerso della Gaiola, al via le prenotazioni: possono accedere 100 persone

L’area marina protetta del Parco sommerso di Gaiola è fonte di grande attrazione per il turismo balneare e per i giovani. In particolare, sono proprio i ragazzi ad essere attratti dal mare cristallino e pulito dell’area, rendendola affollata. Da sabato 5 giugno, in occasione della Giornata Nazionale dell’Ambiente, riapre al pubblicoQuest’anno vi potranno accedere 100 persone la mattina e cento il pomeriggio (aumentando la capienza a 200 bagnanti al giorno). La prenotazione dell’accesso si può effettuare sul sito della riserva Gaiola e si effettua per fasce orarie: una mattutina, dalle 9 alle 13; ed una pomeridiana, dalle 14 alle 18. Solo i maggiorenni possono effettuare la prenotazione, ma i minori vanno contati nel numero, dunque solo un adulto può fare la prenotazione per loro e deve obbligatoriamente accompagnarli.

Come prenotare l’accesso alla riserva la Gaiola

Per prenotare l’accesso alla riserva, occorre collegarsi al sito web ed entrare nell’area prenotazioni (Link con accesso diretto al sito). Bisogna essere maggiorenni: vanno inseriti i propri dati anagrafici ed il codice fiscale. Le regole per la prenotazione sono abbastanza rigide, soprattutto in caso di mancata presenza nella fascia oraria scelta. Infatti, se non si vuole più accedere all’area, occorre cancellare la propria prenotazione entro un’ora dalla fascia oraria prevista. Se non si effettua la cancellazione, non sarà possibile prenotare il proprio accesso per i successivi 7 giorni. La cancellazione può avvenire sul portale di accesso. Si è infatti provveduto a far realizzare un nuovo sistema di prenotazione che permetterà di inserire dei blocchi sulla possibilità di uno stesso utente di prenotare l’accesso per più di due turni a settimana e delle penalità per le fastidiose “prenotazioni fantasma”, ovvero le prenotazioni fatte da utenti che poi non usufruiscono dell’accesso, privando inutilmente altri utenti di posti utili.

All’ingresso vanno mostrati ticket di accesso, stampato o in formato digitale, e carta d’identità. La prenotazione si può fare solo un giorno prima o il giorno stesso ed ogni persona può accedervi per un massimo di 5 volte a settimana. Il numero massimo di persone per prenotazione è 5. Al termine della propria fascia oraria è necessario liberare il proprio posto. Sul sito, si ricorda di non parcheggiare veicoli sulla discesa della Gaiola.

Le misure anti contagio e anti inquinamento della Gaiola

Per quanto riguarda il Covid, le misure sono rimaste più o meno analoghe a quelle dell’anno precedente. Oltre ai divieti di assembramento e di svolgere attività ludiche di gruppo, è obbligatorio indossare la mascherina. Inoltre, va tenuta la distanza di 1 metro tra le persone; di 1,5 metri tra i teli mare o i lettini e 3,5 metri tra gli ombrelloni.

Le norme di tutela ambientale sono il principale garante delle limpide acque della Gaiola. Bisogna prendere visione del decreto interministeriale che protegge l’area del parco sommerso la Gaiola. Per i fumatori, è necessario che portino un portacicche. Non è possibile introdurre bottiglie vuote o altro ed è assolutamente vietato lasciare rifiuti nell’area. Vige anche il divieto di pesca.

Siamo felici che proprio all’interno di una Riserva marina e Parco archeologico sommerso, grazie ad una sana collaborazione istituzionale si sia trovata la chiave per dimostrare la possibile convivenza tra fruizione pubblica, tutela del patrimonio e sicurezza dei cittadini” – afferma il Direttore del Parco Sommerso, Maurizio Simeone.

Potrebbe anche interessarti