Bacoli: iniziati i lavori per la messa in sicurezza del cavalcaferrovia

cavalcaferrovia BacoliSono iniziati i lavori di messa in sicurezza del cavalcaferrovia di Bacoli. Dopo 22 anni di mancato accordo tra gli organi preposti, oggi, 18 giugno 2021, il sindaco di Bacoli ha dato il via ai lavori di messa in sicurezza del sovrapassaggio.

Ancora una volta Josi Gerardo Della Ragione onora una promessa fatta alla popolazione: “Quando decisi di chiudere, per motivi di pericolo pubblico, l’unico cavalcaferrovia di Bacoli, promisi a tante famiglie che lo avremmo messo in sicurezza”scrive sulla sua pagina social. Il passaggio pedonale sopraelevato, infatti, consente ai cittadini di Bacoli di attraversare in piena sicurezza la strada che ospita i binari dalla Cumana. Un’opera urbanistica assolutamente necessaria, ma che da anni giaceva in uno stato di abbandono e degrado, così da renderla pericolante e assolutamente non a norma.cavalcaferrovia Bacoli

La necessità della messa in sicurezza del cavalcaferrovia di Bacoli era emersa da anni. Dal 1999, infatti, era in trattativa un accordo tra Regione Campania, Comune di Bacoli ed EAV. Un patto che ha avuto esito favorevole solo dopo 22 anni: Finalmente. È il frutto di un accordo raggiunto, tra Regione Campania, Comune di Bacoli ed EAV. Era sospeso dal 1999. Da 22 anni”.

Ma l’intervento del Comune di Bacoli non si limiterà solo alla messa in sicurezza del sopracitato attraversamento pedonale:“Sulla linea Cumana, in via Spiagge Romane. Ma c’è di più. Continuano i lavori per restituire decoro ai muretti stradali dello Scalandrone. Erano decadenti, fonte di pericolo per gli automobilisti. Offensivi del paesaggio”.

L’operato di riqualifica del territorio di Bacoli messo in atto da Josi non si fermerà, ancora una volta, a questa restituzione doverosa del cavalcaferrovia, come lui stesso scrive: “Grazie alla sinergia con la Città Metropolitana di Napoli, stanno tornando ad essere uno spazio civile. Abbiamo ancora tantissimo da fare. Ce la stiamo mettendo tutta. Insieme. Un passo alla volta“.

Potrebbe anche interessarti