Cresce l’Rt in tutte le Regioni, contagi in aumento soprattutto tra i giovani ma la Campania resta in zona bianca

campania biancaLa Campania resta in zona bianca per questo mese di luglio. Dal 19 luglio infatti potevano cambiare i colori delle Regioni ma da quanto si apprende dalla bozza di monitoraggio settimanale dell’Iss-Ministero della Salute sull’andamento dei contagi nel nostro paese, nessuna Regione sarà spostata nella fascia gialla.

Cresce infatti l’indice Rt che sfiora la soglia dell’1% (0,91, in rialzo rispetto alla scorsa settimana dove era stato dello 0,66%), sale anche l’incidenza, 19 casi su 100 mila abitanti contro gli 11 di 7 giorni fa, ma ciò per ora non si ripercuote negativamente sulla pressione ospedaliera. Come reso noto dall’Ansa, nessuna Regione e Provincia Autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è 2%, con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 187 (06/07/2021) a 157 (13/07/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale rimane al 2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 1.271 (06/07/2021) a 1.128 (13/07/2021)“.

La Campania quindi per la prossima settimana (dal 19 luglio) resterà in zona bianca, quella con le minori restrizioni, dal 26 le cose potrebbero cambiare. Sembrano funzionare quindi i vaccini contro le forme gravi del covid anche se la variante delta crea qualche preoccupazione per l’elevato grado di contagiosità soprattutto tra i ragazzi. Sono i giovani infatti i più colpiti da questa nuova ondata (molti sono in vacanza all’estero):

La trasmissibilità sui soli casi sintomatici, si spiega, aumenta rispetto alla settimana precedente, sebbene sotto la soglia epidemica, espressione di un aumento della circolazione virale principalmente in soggetti giovani e più frequentemente asintomatici“.

E la situazione potrebbe peggiorare nei prossimi giorni, entro il 1 agosto è infatti previsto un aumento di 5 volte i casi attuali. In Gran Bretagna ieri sono stati oltre 50 mila i positivi.

Potrebbe anche interessarti