MESSAGGIO POLITICO ELETTORALE

Farmacie ‘furbette’ chiedono 2 euro per stampare green pass, la precisazione di Federfarma: “E’ gratuito”

Green pass 2 euro
Screen Sito VerificaC19

In molti stanno approfittando del covid per speculare o gonfiare alcuni prezzi (basti pensare ai vaccini, pagati 24 volte il costo di produzione). Ora una nuova segnalazione viene da alcune farmacie di Firenze. Sembrerebbe infatti che per stampare il green pass, avrebbero richiesto ai clienti un ‘obolo’ di due euro. Una pratica che si sarebbe diffusa anche in altre Regioni d’Italia, in primis a Napoli come denunciato da alcune associazioni.

FARMACIE STAMPANO GREEN PASS A 2 EURO

Il green pass, obbligatorio ormai dal 6 agosto, serve per entrare nei ristornati al chiuso, viaggiare o andare a vedere degli spettacoli. Per chi ha difficoltà a scaricarlo in formato digitale o cartaceo, in loro soccorso sono scese le farmacie. Una proceduta che però, come sottolinea Federfarma in un comunicato, è totalmente gratuita. Le farmacie infatti non possono richiedere due euro per stampare il green pass:

Federfarma ribadisce ulteriormente in una circolare che, secondo quanto riportato dal decreto legge in materia di messa a disposizione agli interessati delle certificazioni verdi Covid-19 generate dalla piattaforma nazionale-DGC, i certificati sono rilasciati gratuitamente da ASL, laboratori, medici e farmacie, senza oneri a carico del cittadino, fermo restando l’impossibilità del cittadino di provvedere autonomamente alla stampa del certificato o al suo download. La circolare Federfarma, consultabile nella sezione ad accesso riservato del sito www.federfama.it, riporta anche la specifica del regolamento Europeo in materia di green pass che precisa come “il titolare ha diritto di chiedere il rilascio di un nuovo certificato se i dati personali figuranti nel certificato originale non sono, o non sono più, esatti o aggiornati, anche per quanto riguarda la vaccinazione, il risultato del test o la guarigione del titolare, o se il certificato originale non è più a sua disposizione“.

Potrebbe anche interessarti