La Ctp salvata dal Teatro di San Carlo

Teatro di San Carlo. 2009

Per evitare il termine del servizio e il precedente fallimento della Ctp, la giunta provinciale di Napoli ha, con una riunione d’urgenza, drenato denaro per un corrispettivo di 3,6 milioni di euro dal fondo “Salviamo il Teatro di San Carlo” per pagare stipendi e gasolio. 

Non credo che la logica dei vasi comunicanti resista più di 5 minuti, anche perché si è appena parlato di tagli alla spesa, tra cui i più ingenti alla cultura e alla formazione, e poi quando si credeva di aver sventato la chiusura del Teatro si ritorna nuovamente a depauperarlo.

Nel frattempo evidenti macchie umide scambiano la facciata del San Carlo e non crediamo ci sia denaro in più per un lavoro che elimini le infiltrazioni e ritinteggi.

Almeno i lavoratori dell’azienda di trasporti pubblici sono salvi e con loro la tranquillità degli utenti.

Quanto dureranno queste “soluzioni”? La fisica può essere applicata a questioni di lavoro o la teoria dei vasi comunicanti andrebbe lasciata nei laboratori?

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più