Cassazione, ora le tasse si devono pagare anche sulle mance: “Sono parte del reddito”

Bisognerà pagare le tasse anche sulle mance. È quanto ha stabilito la Corte di Cassazione con una sentenza depositata ieri, 30 settembre, in merito al caso di un dipendente di un hotel in costa Smeralda accusato di evasione fiscale dall’Agenzia delle Entrate.

Tasse sulle mance: il caso

Il caso è riportato dal Sole 24 Ore. Protagonista, suo malgrado, è un dipendente di un albergo di lusso della Costa Smeralda, in Sardegna, che aveva omesso di dichiarare di aver percepito ben 84mila euro in un solo anno grazie alle mance. Donazioni che l’Agenzia delle Entrate aveva classificato come reddito da lavoro non dichiarato, presentando dunque ricorso per ottenere il versamento delle relative imposte.

La Suprema Corte ha dato ragione agli esattori. L’articolo 51 dell’attuale Testo unico delle imposte sui redditi, infatti, afferma che il reddito da lavoro dipendente non è formato soltanto dal salario percepito, ma da tutte le somme e i valori ricevuti di diverso genere e a qualunque titolo. Le mance, secondo la Cassazione, anche se non ricevute dal datore di lavoro hanno origine dal rapporto di lavoro subordinato e dunque tassabili. Per i giudici si tratta infatti di entrate “sulla cui percezione il dipendente può fare, per sua comune esperienza, ragionevole, se non certo affidamento”.

Una sentenza che certamente non farà piacere a tantissimi lavoratori del settore della ristorazione e dell’accoglienza, dato che la maggioranza di costoro non può fare certo affidamento su eclatanti esempi di generosità né lavora in strutture e locali di lusso. La maggior parte dei salari, infatti, non raggiunge chissà quali somme e le mance stesse non sono consistenti. Si aggiunga l’usanza, prettamente italiana, di aggiungere agli scontrini le voci relative al coperto e al servizio che spesso fanno desistere i clienti dal lasciare la mancia, essendo sostanzialmente già inclusa nel conto. Peccato che però venga intascata (quasi sempre) dal titolare e non dai dipendenti.

Potrebbe anche interessarti