“Il fantasma di Marcianise”. Americano senza identità vaga per la città campana

Della medaglia

Da circa due settimane si aggira per la città di Marcianise (CE) senza soldi e documenti. Dice di chiamarsi Vincenzo Della Medaglia e di avere 49 anni, di essere italiano di origini ma di essersi trasferito in America da bambino.

Il “fantasma di Marcianise”, come è stato definito dai cittadini, dopo aver trascorso 18 anni in carcere per aver sparato un uomo a Yonkers (New York), è stato rimandato a Marcianise dal governo statunitense e dal 14 luglio l’uomo è in attesa dei suoi documenti che dovrebbero essere inviati dal commissariato di Fiumicino all’anagrafe della città campana per poter stilare i nuovi documenti d’identità.

Si fa portavoce di Vincenzo, che dall’età di tre anni parla solo l’americano e il dialetto di Marcianise appreso dalla madre, il consigliere comunale Paride Amoroso: ” E’ una situazione paradossale! Questa persona da trenta giorni è senza fissa dimora, non può rivolgersi nemmeno ad una struttura sanitaria nel caso si dovesse ammalare. Per lo stato questa persona non esiste!“.

La giornalista del Mattino si rivolge all’uomo chiedendogli: “You are ghost, Vincenzo?”. ” Si, sono un fantasma“, risponde in italiano. ” Una volta sistemate le cose voglio andar via dall’Italia, purtroppo so parlare soltanto il marcianisano e l’inglese, non conosco l’Italiano“, conclude.

Alla redazione di Caserta Ce, nei giorni scorsi, è arrivata una mail dalla sorella di Vincenzo Della Medaglia e da tutta la sua famiglia. Nella lettera la donna ringrazia i media per aver fatto emergere la situazione che sta vivendo il fratello avendola portata all’attenzione di tutti e svela un triste particolare della vita di Vincenzo: ” Vi abbiamo allegato alcune foto[…], di sua mamma, dei fratelli e altre con suo figlio e sua moglie che è deceduta. Sincerely from America, the Della Medaglia Family“.

famiglia
Con suo figlio e sua moglie (Caserta Ce)

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più