Elementi della natura nell’architettura: laboratori gratuiti per bambini al Bosco di Capodimonte

laboratori gratuiti bambiniIl Museo e Real Bosco di Capodimonte sarà la cornice d’eccezione dei laboratori gratuiti per bambini dal titolo Elementi della natura nell’architettura. A cura di Archipicchia! Architettura per bambini e promosso da Amici di Capodimonte Ets, il 17 e 24 ottobre e il 6 e 7 novembre si terranno al Museo e Real Bosco di Capodimonte laboratori gratuiti per bambini con il fine di sensibilizzare i più piccolo alla tutela dell’ambiente.

Come riportato dagli organizzatori dell’iniziativa: L’attività sviluppa un percorso laboratoriale che riflette sull’ambiente e il rispetto della natura. Scopriremo alcuni elementi naturali con cui può dialogare l’edificio per farsi architettura sostenibile e sensibile al proprio habitat. Sfruttando la luce naturale e le posizioni del sole, il variare del vento, l’acqua come risorsa rinnovabile e la terra come materia di costruzione, costruiremo case che riflettono una rinnovata idea di abitare, rispettosa dell’ambiente”.

Laboratori gratuiti a Capodimonte, il programma

I diversi appuntamenti avranno come centro tematico portante un elemento della natura:

  • 17 ottobre, La casa che ama l’ACQUA: “L’acqua è elemento fondamentale, risorsa preziosa e vitale per l’uomo e da sempre elemento usato in architettura: via di trasporto, elemento attrattore per fondare una città, parte integrante di un edificio, ornamento. Ma l’acqua non è una risorsa illimitata e rinnovabile, ed è importante che non vada sprecata. Nel tempo l’uomo ha inventato sistemi per poterla riutilizzare: guardando alle case pompeiane e a soluzioni costruttive contemporanee, capiremo come l’acqua può essere “utilizzata” in un edificio. Partendo da queste suggestioni costruiremo piccole case in cui l’elemento dell’acqua è elemento fondante e riutilizzabile. Età consigliata: 9-11 anni”;
  • 24 ottobre, La casa che abita la TERRA: “La terra cruda è il materiale da costruzione più antico, il più ecologico e sostenibile, presente nella storia dell’architettura: un composto di argilla e inerti naturali lasciato semplicemente a essiccare all’aria, senza bisogno di cottura, che non richiede energia primaria nella produzione. Partiamo da questo elemento per discutere di costruzioni a basso impatto ambientale, nel rispetto della natura, e costruiremo piccole architetture usando l’argilla. Età consigliata 6-8 anni”;
  • 6 novembre, La casa che ascolta il VENTO: “Degli elementi naturali scelti per pensare un modo sostenibile di abitare, il vento è certamente l’unico invisibile, immateriale, impalpabile. Avvolge e alimenta. Lo percepiamo soprattutto attraverso i suoi movimenti: usarlo come materiale per parlare di architettura sembra uno scherzo! Eppure partiremo proprio da qui per costruire una casa che funzioni come un organismo vivente, percependo i movimenti del vento, aprendosi e chiudendosi per adattarsi al clima, per essere rifugio accogliente per chi le abita. Età consigliata: 9-11 anni”;
  • 7 novembre, La casa che segue il SOLE: “Il sole è energia, luce, calore, colore. Discuteremo di temi importanti come l’orientamento rispetto al sole e alla luce naturale, il controllo dell’ombreggiamento, le fonti di calore naturali per il riscaldamento della casa e degli ambienti. Proveremo a lavorare con luce, ombre e colore per costruire un piccolo modello di casa, che riassuma la nostra idea di abitare! Sarà una casa speciale che percepisce il variare della luce, per la quale progetteremo numero di aperture, luci artificiali, fonti di riscaldamento. Potrebbe essere addirittura una casa sull’albero per avvicinarci al sole e godere di ombra: potremo così affrontare anche lo spinoso tema del rapporto tra città e natura responsabile del labile equilibrio tra suolo naturale e suolo costruito. Come il barone rampante, saliamo su un albero per discutere di tutto questo? Età consigliata 6-8 anni”.

L’ingresso ai laboratori didattici è libero, ma richiede una prenotazione preventiva alla mail: prenotazioni@amicidicapodimonte.org. Per maggiori informazioni visita il sito amicidicapodimonte.org. 

Potrebbe anche interessarti