Covid, De Luca minaccia: “Se ci distraiamo, a novembre chiudiamo di nuovo”

de lucaIn Campania non c’è diritto di cittadinanza per i ‘no green pippe’” un messaggio forte e chiaro lanciato dal presidente della Campania Vincenzo De Luca contro chi protesta per il green pass. Poi rilancia minaccioso: “Se continuiamo a distrarci, a novembre richiudiamo“.

Parole pronunciate durante un incontro con attori e produttori della soap Rai ‘Un posto al sole’, che oggi compie 25 anni, De Luca ha raccontato: “Siamo obbligati a non dormire per seguire mattina, sera e notte i comunicati dei positivi della giornata. C’è un velo di imbecillità, di stupidità e di false notizie che purtroppo ha condizionato e rischia di condizionare. Non illudiamoci – ha ribadito – se continuiamo a distrarci, a novembre richiudiamo”.

De Luca dunque mette in guardia i cittadini campani su possibili nuove restrizioni. La Campania infatti continua ad essere l’unica regione in zona bianca con l’obbligo di mascherina all’aperto, uno strumento per aumentare la protezione e non abbassare la guardia in vista delle prossime feste.

Infatti tra poco ci sarà Halloween e le feste tra ragazzi saranno molte, chissà se De Luca ha in serbo qualche ordinanza per “rovinare” la festa. E poi ci sarà il Natale: i cittadini già lo scorso anno hanno fatto enormi sacrifici ad accettare cenoni ridotti e coprifuoco, quest’anno non ne vorranno proprio sentir parlare.

E infatti sull’argomento si è espresso il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri: “Salvo che non accadano cose strane, come una nuova variante di coronavirus, potremmo fare un cenone in libertà. Ancora però ci saranno il distanziamento, la mascherina e il Green pass“.

Potrebbe anche interessarti