Funerali Giuseppe e Tullio, il sindaco: “Si sono trovati in uno scenario di guerra”

Un giorno di dolore e di lutto a Portici, e non solo. Oggi si sono tenuti i funerali di Giuseppe e Tullio, i due ragazzi uccisi dal proprietario di una villetta ad Ercolano perché scambiati per ladri.

Queste sono le parole del sindaco Enzo Cuomo rivolte, a nome di tutta la città di Portici, ai Genitori, alle sorelle di Tullio, al fratello di Giuseppe, ai parenti ed ai loro amici.

Funerali Giuseppe e Tullio, le parole del sindaco

Oggi è stato un giorno di dolore per la nostra città. nelle scuole, nei negozi, nelle attività, commerciali e produttive, nelle associazioni sportive, nelle strade e nelle piazze ciascuno di Voi ha manifestato spontaneamente il proprio dolore partecipando al lutto cittadino proclamato per oggi“.

Carissimi Genitori di Giuseppe e Tullio, – continua – carissimi Oreste, Alessandro, Mariarosaria, Imma, carissime Anna e Alessia, carissimo Roberto, questo è il momento del dolore e viviamo con Voi il nostro dolore, il dolore della nostra Comunità e della nostra Città. Continueremo ad essere a fianco delle famiglie Fusella e Pagliaro, per la ricerca della verità assoluta e soprattutto della giustizia, quella giustizia che vogliamo tutti insieme e che chiederemo non con rabbia ma con quella serenità di chi aspetta dalla giustizia un momento di verità e di punizione per chi compie dei reati tanto crudeli e tanto gravi“.

A Voi genitori – prosegue il sindaco – mi rivolgo non da Sindaco ma da padre e dico che in questa tragedia abbiamo scoperto che quello che è successo a Giuseppe e Tullio sarebbe potuto capitare a ognuno di noi, ad uno dei nostri figli. Andare a dormire sapendo che i propri figli sono usciti per una serata di divertimento con gli amici, dopo aver visto una partita di calcio in Tv e sapere che non torneranno più a casa perché si sono imbattuti in uno scenario di guerra, non ha una spiegazione, perché quello che è successo a Giuseppe e Tullio non ha niente a che fare con le nostre comunità, è uno scenario di guerra: Giuseppe e Tullio in quella maledetta notte si sono trovati all’interno di uno scenario di guerra“.

Quindi noi Vi diciamo, e ci diciamo insieme a voi, che Giuseppe e Tullio continueranno a vivere nella nostra Comunità e quello che è il nostro dolore ed il vostro dolore di oggi, possa essere tramutato in doni di amore, e tutti insieme faremo in modo che tutte le cose belle che vivremo e che vivrete possano sempre tenere in vita Giuseppe e Tullio che sono, orgogliosamente, due figli della nostra Città e della nostra Comunità.
Le condoglianze più affettuose di tutta l’Amministrazione Comunale ma soprattutto un abbraccio forte.
Quando ho potuto chiamare e sentire i genitori di Giuseppe e di Tullio ho potuto dire loro solamente che li avrei abbracciati a nome di tutta la Città….forte….forte… forte…..e con queste stesse parole Vi dico che tutta la nostra Città vi abbraccia forte…..forte… forte!“, ha concluso.

Potrebbe anche interessarti