Napoli, la proposta di Clemente: tamponi gratis per tutti fino a metà gennaio

La diffusione di Omicron è ormai fuori controllo. A Napoli e provincia, il rialzo dei contagi sta generando una forte domanda di tamponi, con traffico paralizzato nelle vicinanze dei presidi ospedalieri e disagi significativi per i residenti. Per questo Alessandra Clemente ha avanzato in Consiglio Comunale una proposta: istituire punti sanitari in tutta la città di Napoli per effettuare tamponi gratis.

Questo quanto comunicato dalla Consigliera sui social: “Considerato il deciso aumento dei contagi da Covid-19, riscontrato nell’ultima settimana, complice l’intensificarsi l’attività di tracciamento privato del virus da parte della cittadinanza, in concomitanza con le festività natalizie;

che a causa di tale aumento la domanda da parte della popolazione di test di varia tipologia per l’individuazione del virus è cresciuta a dismisura, provocando consistenti disagi ai cittadini per il reperimento e l’effettuazione dei suddetti test;

che l’attuale sistema di rilevazione messo in campo dal sistema sanitario locale non prevede ad oggi la possibilità ai cittadini in condizioni di necessità di effettuare gratuitamente test cosiddetti “molecolari” per l’individuazione puntuale dell’infezione da Covid-19; condivisa l’importanza dell’attività di tracciamento per contrastare la pandemia in atto e prevenire l’ulteriore diffondersi del virus, con il presente ordine del giorno orienta l’Amministrazione comunale:

a prevedere a brevissimo termine l’istituzione di punti sanitari diffusi sul territorio cittadino, adibiti al tracciamento del virus tramite tampone molecolare gratuito. Questo almeno fino al 15 gennaio, data individuata dall’unità di crisi regionale della Campania come periodo di diffusione molto alta dei contagi”.

La proposta di Alessandra Clemente, dunque, non solo permetterebbe a coloro che ne hanno l’esigenza di effettuare tamponi gratis, ma andrebbe anche a decongestionare le file nei pressi dei punti in cui si effettuano i test da Covid-19. Proprio per ovviare a questo fenomeno il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, ha stabilito che si possano recare all’ospedale cittadino solo coloro che sono muniti di prenotazione per effettuare il tampone molecolare.

Potrebbe anche interessarti